Nella situazione attuale, la musica può rinfrancarci e donarci momenti di sublime bellezza.
Ecco a voi un canto tradizionale irlandese, con il testo originale e di seguito la mia traduzione.
Sono parole che esprimono il puro amore di un uomo per la sua amata, ma anche il patriottismo di chi soffre per la patria occupata dai nemici.

Slievenamon

Alone all alone by the wavewashed strand all alone in a crowded hall.
The hall it is gay and the waves they are grand but my heart is not here at all.
It flies far away by night and by day to the times and the joys that are gone.
And I never will forget the sweet maiden that I met in the valley near Slievenamon.

It was not the grace of her queenly air; Nor her cheek of the rose’s glow
Nor her soft black eyes, nor her flowing hair; Nor was it her lily white brow
‘Twas the soul of truth and of melting ruth; And the smile like a summer dawn
That stole my heart away on a soft summer day; In the Valley near Slievenamon.

In the festive hall, by the wavewashed shore; Oh my restless spirit cries
“My love, oh, my love, shall I ne’er see you more? And, my land, will you never uprise?”
By night, and by day, I ever, ever pray; While lonely my life flows on
To see our flag unfurled and my true-love to enfold; In the Valley near Slievenamon.

Slievenamon

Solo, tutto solo lungo la riva colpita dalle onde, tutto solo in una sala affollata.
La sala è allegra e le onde sono maestose, ma il mio cuore non è affatto qua.
Esso vola lontano, di notte e di giorno, verso i tempi e le gioie che sono passati.
E io non dimenticherò mai la dolce fanciulla che incontrai nella valle vicino Slievenamon.

Non furono la grazia della sua aria regale, né le sue guance accese del colore della rosa
Né i suoi occhi neri vellutati, né i suoi capelli sciolti, né fu la sua fronte bianca come il giglio.
Furono l’anima di verità e di struggente pietà, e il sorriso simile a un’alba d’estate,
Che si portarono via il mio cuore in un gentile giorno d’estate, nella valle vicino Slievenamon.

Nella sala in festa, lungo la riva colpita dalle onde, oh il mio spirito inquieto grida
“Amore mio, oh, amore mio, mai più ti rivedrò? E tu, terra mia, potrai mai insorgere?”
Di notte e di giorno, io sempre, sempre prego, mentre la mia vita scorre solitaria,
Di vedere la nostra bandiera dispiegata e di cingere il mio vero amore, nella valle vicino Slievenamon.

Nella foto: una veduta della Valle di Slievenamon, in Irlanda.