ROMA, 11 maggio 2016 (LifeSiteNews) – Il Cardinale Raymond Burke ha dichiarato nel fine settimana che i cattolici fedeli devono “resistere” a una prospettiva nella Chiesa che cerca di minare alle fondamenta le verità della fede cattolica riguardanti l’indissolubilità del matrimonio e la presenza reale di Cristo nell’Eucaristia. Il tema generale del discorso era “Il martirio per la fede nei nostri tempi”.

“Mi preoccupa in modo particolare una crescente prospettiva mondana, una prospettiva centrata sull’uomo e sul mondo, specialmente nella Chiesa,” ha detto, aggiungendo che questa prospettiva si esprime in “un’interpretazione secolare delle realtà divine”.

Stava parlando ai dirigenti di associazioni per la vita e la famiglia riuniti alla conferenza  del Rome Life Forum che si è svolta a Roma il 7 maggio scorso.

Leggete qui il testo completo del discorso del Cardinal Burke.

“Per esempio, oggi nella Chiesa ci sono coloro che si riferiscono alla realtà obiettiva della grazia del matrimonio come a un mero ideale, al quale noi cerchiamo più o meno di conformarci,” ha detto.

[…]

Pur non citando l’esortazione Amoris Laetitia esplicitamente, il Cardinal Burke ha messo in guardia i partecipanti alla conferenza contro un’interpretazione del Cattolicesimo, in particolare riguardo al matrimonio e all’accesso ai Sacramenti, che porta alla “confusione”, perché non è fondata sulla verità della fede.

“La visione mondana che, non essendo vera, porta alla confusione e alla divisione nel Corpo di Cristo, finisce per negare il principio fondamentale della giusta ragione, chiamato principio di non contraddizione, cioè la legge per cui una cosa non può essere e non essere allo stesso riguardo e allo stesso tempo.”

“Per esempio, non può essere che la Chiesa professi la fede nell’indissolubilità del matrimonio, in accordo con la Legge di Dio scritta in ogni cuore umano e annunciata nella Parola di Cristo, e allo stesso tempo ammetta ai Sacramenti chi vive pubblicamente in violazione dell’indissolubilità del matrimonio. Se una persona che vive pubblicamente in violazione del suo legame matrimoniale viene ammessa ai Sacramenti, allora o il matrimonio non è indissolubile o il Sacramento della SS. Eucaristia non è il Corpo di Cristo, e l’incontro con Cristo nel Sacramento della Penitenza non richiede il fermo proposito di correggere la nostra vita, cioè l’obbedienza alla Parola di Cristo: ‘Non peccare più’.”

[…]

Il Cardinal Burke ha fatto più volte riferimento agli scritti e pensieri del Servo di Dio Padre John Anthony Hardon della Società di Gesù. Ha dichiarato che Padre Hardon scrisse:

“Il Cattolicesimo è alle prese con la peggiore crisi di tutta la sua storia. Se i cattolici veri e fedeli non avranno lo zelo e lo spirito dei primi cristiani, se non saranno disposti a fare come facevano loro e a pagare il prezzo che loro pagavano, l’America ha i giorni contati.”

Burke ha aggiunto che Padre Hardon “…vedeva come decenni di una catechesi inconsistente e persino falsa avevano creato una situazione in cui molti cattolici erano analfabeti nella fede. Vedeva come molti venivano lasciati nella confusione e nell’errore riguardo ai più fondamentali principi della fede cattolica e della legge morale scritta nel cuore umano e articolata in modo definitivo nella Parola di Cristo trasmessa nella Chiesa. Una mancata formazione alle virtù e una confusione e un errore generali riguardanti la legge morale stavano seminando distruzione e morte nella vita di molte persone e di molte famiglie.”

Riguardo al martirio della testimonianza che i cattolici veramente fedeli sperimentano nei nostri tempi, il Cardinal Burke ha spiegato:

“Osservando quanto sono grandi la confusione e l’errore, anche all’interno della Chiesa, nel tempo presente, Padre Hardon ricordava a tutti i fedeli che si devono preparare a soffrire molto, e persino ad affrontare il martirio, per essere fedeli agli insegnamenti di Cristo nella sua Chiesa.”

[…]

Il Cardinale americano, che ha dato un incoraggiamento costante ai dirigenti delle associazioni per la vita e la famiglia, ha concluso il suo discorso affermando:

“Nel contesto del Rome Life Forum, concludo esprimendo il mio profondo apprezzamento per il martirio che così tanti di voi accettano per la difesa della vita umana e della sua accoglienza nell’unione coniugale di marito e moglie. Noi accettiamo l’indifferenza, la derisione, il rifiuto e altre forme di persecuzione perché amiamo Nostro Signore e tutti i nostri fratelli e sorelle in Lui, nella sua Santa Chiesa.”

Pete Baklinski

Traduzione di Isidoro D’Anna

Fonte per Lucechesorge:
https://www.lifesitenews.com/news/cardinal-burke-we-must-resist-those-in-the-church-presenting-false-teaching

Nella foto: il Cardinal Burke al Rome Life Forum 2016