«Non ti curare del domani, pensa solo a fare il bene oggi, e quando domani sarà arrivato si chiamerà oggi ed allora ci si penserà.»

Padre Pio

Uno dei medici che curò Padre Pio per circa cinque decenni, il dottor Michele Caprano, annotò che nel Santo convissero sempre, in armonia, «misticismo e praticità». San Pio era davvero un mistico completo, ma nello stesso tempo era sempre con i piedi a terra, con il buon senso vigile, con l’equilibrio in atto per mantenere la misura giusta in ogni cosa.
Questo pensiero di Padre Pio ricalca la saggezza antica dell’age quod agis, ossia dell’agir bene al momento presente, giorno per giorno; oppure richiama l’altro detto espressivo secondo cui «ad ogni giorno basta il suo affanno».

Contro l’ansia e l’angustia, che si fanno innanzi quando accumuliamo, nell’oggi, le preoccupazioni del domani, provocando uno stato di tensione che non può far bene né all’anima né al corpo, né a noi né agli altri, Padre Pio raccomanda giustamente, saggiamente: «Non ti curare del domani, pensa solo a fare il bene oggi».
Il Signore, infatti, è pronto ad aiutarci e a sostenerci giorno per giorno e di giorno in giorno. Non era infrequente, infatti, sentir dire da Padre Pio che «la Provvidenza non bisogna precederla, ma affiancarla», e si può realmente dire che la Divina Provvidenza cammina con noi passo dopo passo, per aiutarci a fare bene quel che ci tocca fare oggi, ossia «fare il bene oggi», come afferma Padre Pio, lasciando al domani gli affanni del domani.
La fiducia di Padre Pio nella Provvidenza che accompagna l’uomo garantendogli l’assistenza di volta in volta secondo il momento, era completa e costante. Anche quando a San Giovanni Rotondo, per accuse e sospetti nell’operato di Padre Pio, si sparse la notizia che egli sarebbe stato trasferito in un luogo sconosciuto, e tutti si agitarono e si ribellarono, Padre Pio, invece, rimase tranquillo e imperturbato nel compimento dei suoi doveri e dei suoi impegni quotidiani. Egli si sentiva del tutto sicuro che dovunque sarebbe andato, avrebbe trovato Gesù Sacramentato, un pane da mangiare, un panno per coprirlo.
L’essenziale è operare il bene, restando fedeli al proprio dovere ora per ora, giorno per giorno. Nel Padre nostro noi diciamo ogni giorno: «Dacci oggi il nostro pane quotidiano». Orbene, se «oggi» il Signore ci dona il pane quotidiano necessario, «quando domani sarà arrivato – diceva giustamente Padre Pio – si chiamerà oggi ed allora ci si penserà», chiedendo ed ottenendo il pane necessario.

Padre Stefano Maria Manelli
(Fondatore dei Frati e delle Suore Francescani dell’Immacolata)

Tratto da Il pensiero di Padre Pio, ed. 2005, pp. 181-182.

Fonte per Lucechesorge: «Il Settimanale di Padre Pio» n. 20 del 22 maggio 2016.