In questi giorni, da uno scambio di pensieri con due amici, è venuta fuori una bella testimonianza di uno di loro sui Francescani dell’Immacolata.
Con il permesso del caro amico la riporto qui di seguito, omettendo la firma per riservatezza.

Ave Maria!

Carissimi Isidoro e C.,

non entro nella questione di Padre Manelli se non per dire che lo ritengo una vittima innocente insieme a molti suoi confratelli e consorelle di quella Congregazione.
Alla stampa non presto nessun credito perché ormai quasi tutto è menzogna e il compito della stampa è quello di trasformare la menzogna in verità per i fini di chi la paga.
Infine non credo ad una virgola di tutta la vicenda per almeno due motivi.
Il primo è che Padre Manelli è stato un figlio spirituale di Padre Pio.
Il secondo è che, oltre agli interessi materiali, sulla Congregazione è stato scatenato un attacco satanico che aveva ed ha l’obiettivo di attaccare Maria Immacolata.
Anche Padre Pio fu accusato di essere un impostore e di mestare nel torbido tra donne, quattrini, e falsi carismi.
Questa la mia modesta opinione.
Vi ringrazio e vi abbraccio entrambi.

Si avvera, con osservazioni così sapienti, l’invito che Nostro Signore aveva rivolto ai giudei di quel tempo: «E perché non giudicate da voi stessi ciò che è giusto?» (Lc 12, 57). «Da voi» qui vuol dire: senza lasciarci influenzare da altri che da Dio, e dagli insegnamenti della nostra fede.

Nella foto: Padre Stefano M. Manelli e un Frate.