«Dico a te, mamma mia Maria: prestami il tuo Cuore, perché io glorifichi solo Dio con te, e tutto resti assorbito da Lui solo. Mamma mia, generami a questo amore disinteressato, che tu hai avuto in grado sì elevato… Mamma mia, trasfondimi il tuo amore. […] Mamma mia, sei centro di misericordia; usami questa misericordia: calami nel tuo Cuore, inebriami del tuo fuoco, e, quando mi hai avvolto nell’incendio che ti brucia il Cuore Immacolato, fa’ che io bruci dicendo questa sola parola: “Mio Dio, Tu solo sei degno di amore!”. Come sarà bello quel momento! Svanirà il mio putrido essere e l’Infinito rimarrà, come era e sarà, inno infinito a Se stesso che solo è.»

Don Dolindo Ruotolo
Dal mese di maggio del Calendario 2017 intitolato al Sacerdote, edito da Casa Mariana Editrice.
http://www.casamarianaeditrice.it