La storia di Albano Carrisi e Romina Power non è facile o semplice come potrebbe sembrare ascoltando una delle loro belle canzoni, cantate una volta da sposi e di recente da divorziati.
Ma diciamo subito che sia Albano che Romina, nonostante l’adulterio di lui e l’apostasia buddista di lei, hanno ricevuto il battesimo cattolico, che niente potrà cancellare.
Sì, l’italiano Albano e l’americana Romina sono cattolici nel profondo dell’anima, anche se hanno rinnegato la fede o gli insegnamenti di Cristo.
Se ci occupiamo di loro, se preghiamo e chiediamo ai lettori e a tutti una preghiera per loro, è perché Dio è entrato nella loro vita, e bisogna che vi trionfi con la sua grazia. Nella preghiera chiediamo per Albano e Romina la fedeltà a Cristo Signore, nel nome del quale si sono uniti con vincolo indissolubile.
E se finalmente si convertiranno, questo davvero sarà un esempio per gli italiani e il mondo intero.
Per Albano, può apparire scontato che sia cattolico, perché è uno di noi italiani. Per Romina lo è molto meno, essendo americana. Ma il padre, Tyrone Power, famoso attore hollywoodiano, e la madre, Linda Christian, messicana e anche lei attrice, si sposarono con il rito cattolico, nel 1949. La loro primogenita, Romina Francesca Power, nacque dopo tre aborti spontanei, e fu quindi concepita nel Matrimonio, non fuori.
Poi i due sposi attori si diedero all’adulterio, e Tyrone morì presto, nel 1958, all’età di 44 anni, dopo una serie di avventure con donne, da una delle quali ebbe un figlio maschio.
Romina Power ha raccontato tranquillamente dei suoi trascorsi di droga, balli e

Al-Bano-al-bano-and-romina-power-37031868-565-544
Nel giorno del matrimonio

promiscuità con uomini da giovanissima. Si sa pure che il matrimonio con Albano fu riparatore, perché lei era incinta già da cinque mesi di Ylenia, la figlia poi scomparsa.
Di fronte al dolore di un papà e di una mamma che non trovano più una loro figlia, mi perdo nel silenzio di una sofferenza che sembra non avere mai fine, neanche per me.
Preghiamo la Madonna perché la risposta sulla sorte di Ylenia venga ad Albano e Romina dopo il miracolo di grazia della loro conversione. Magari fosse ancora viva e la si potesse riabbracciare sana e salva, come il Padre di ogni bontà riabbraccia di slancio il figliol prodigo!
Bisogna riportare la luce là dove ci sono le tenebre. Per amore di Cristo, solo per amore di Lui, Albano e Romina devono ritrovare la fede cattolica, ritornare insieme e riscoprire il progetto di Dio su ogni famiglia e su di loro in particolare.
Chiedano alla Madonna la purezza che forse non hanno mai avuto. Chiedano perdono a Dio se i loro quattro figli non fossero tutti quelli che avrebbero dovuto generare come sposi cristiani. Pensino ai figli che eventualmente dovevano nascere, perché Dio li attendeva da loro, e che non esisteranno mai più.
Albano, al quale è stato raccomandato di non cantare più per non rischiare altri infarti, scelga anche qui l’obbedienza a Dio che gli ha donato il bene prezioso della vita.
Non è al mondo che dobbiamo rendere conto, tenendoci sotto i riflettori e rilasciando interviste, ma a Dio, che giudicherà chi ha lo ha rifiutato o ha seppellito i talenti ricevuti.
Albano in una recente intervista ha affermato di essere «un buon cristiano». Si dimentichi di poter dire questo, perché davanti a Dio bisogna essere innanzitutto umili. Ma se guarda al Signore Gesù Cristo con fede, accolga il suo Vangelo e inviti la sua vera sposa a fare altrettanto.
I loro figli, Ylenia e gli altri tre, hanno bisogno di questo. Tutti noi ne abbiamo bisogno. Vogliamo allora elevare alla Madonna almeno un’Ave Maria per questa intenzione? Grazie.