Penso che molti di voi vedano la gravità della situazione politica, oltre che umana ed ecclesiale. Tuttavia i nostri politici non sono venuti dal caso, ma li hanno votati i nostri connazionali. E forti del voto ricevuto hanno fatto leggi per la distruzione della famiglia, della vita, dell’innocenza e persino della sicurezza della nostra popolazione e della sopravvivenza economica del nostro Paese.
Per la sicurezza potremmo citare l’immigrazione di massa, che ha portato in Italia oltre mezzo milione di clandestini, oltre alla collusione politica con le mafie che impedisce di estirpare questo cancro.
Per la sopravvivenza economica degli italiani, pensiamo alle tasse che strangolano l’economia, alla corruzione – vedi tangenti – che continua più forte che ai tempi dell’inchiesta Mani Pulite, alla follia dei mercati occidentali aperti a Cina e altri, che ha fatto chiudere tantissime nostre aziende, all’attacco spietato contro la famiglia e la procreazione, che sta facendo scomparire i giovani in grado di pagare le pensioni dei vecchi, e ovviamente alle banche, le quali hanno usurpato il diritto dello Stato di creare la moneta per il popolo, e la creano loro rivendendola a caro prezzo allo Stato, in un indebitamento continuo che promette solo rovina.
Quanto alla famiglia, alla vita e all’innocenza devastate, siamo di fronte a una lunga catena iniziata con la contraccezione, proseguita con il divorzio e l’aborto, e oggi ancora continuata con il divorzio breve, il riconoscimento delle convivenze anche omosessuali e l’eutanasia imposta ai medici da politici che meritano loro sì la morte che danno ai malati. Nelle scuole intanto stanno portando gli insegnamenti basati sulle perversioni sessuali, mentre cercano di ridurre sul lastrico le scuole cattoliche.
La buona notizia è che una formazione politica decisa a fermare i criminali politici, oggi esiste. È il movimento del Popolo della Famiglia. Di seguito trovate una loro testimonianza, una sintesi del programma e potete scaricare un file pdf che raccoglie questo e altro, da diffondere urgentemente e con qualsiasi mezzo disponibile.

L’ATTACCO ALLA NATURA DELL’UOMO

Il Gender è il motore ideologico principale che afferma l’indifferenzialismo maschio-femmina e la loro perfetta intercambiabilità, aprendo così al transessualismo.
Ad Abano in provincia di Padova è stata aperta una clinica per il cambio di sesso, finanziata dalla Regione.
In Gran Bretagna la sanità pubblica finanzia il Gonapeptyl a 2.000 € alla iniezione, per fermare la pubertà degli adolescenti, in attesa della maggiore età per decidere di che sesso si “sentono di essere”.
L’obbiettivo successivo del Gender è di rompere l’idea della FamigliA attraverso le “unioni civili”, aprendo alle FamigliE, anche con più partners nel “polimore”, o legalizzando l’incesto.
In Spagna i consanguinei possono sposarsi legalmente.
Al Senato è già stato depositato un disegno di legge del Pd per legalizzare l’incesto, con l’obbiettivo di legalizzare la pedofilia, per un’Italia che ha il record mondiale di turismo pedofilo. I M5S sono arrivati a proporre anche il matrimonio interspecie, cioè tra una persona e un animale.
Il Gender, dopo aver demolito la differenza maschio-femmina e sgretolata l’idea di Famiglia, ha favorito così anche il “divorzio breve” votato da tutti i partiti (19 contrari su 650), che ha fatto aumentare i divorzi del 55%.
Il divorzio è la 2ª causa di povertà e dal 2013 le famiglie in Italia sotto la soglia di povertà sono passate da 3.5 a 5 milioni di persone.
L’obbiettivo finale del Gender è di arrivare alla indifferenza padre-madre, per esaltare la omogenitorialità e gli omosessuali che i figli se li devono comprare affittando l’utero di una donna povera, rendendo così i bimbi merce di scambio e pertanto anche eliminabili se difettosi, ora anche per sentenza di una Corte come in Gran Bretagna contro Charlie e ora contro Isaiah. Oppure in Islanda, dove sono riusciti ad azzerare la nascita dei bambini con trisomia 21 (causa genetica della sindrome di Down).
L’attacco definitivo del Gender è quello già operante anche in Italia nei mezzi di comunicazione e nelle scuole grazie alla “Buona scuola”, per conquistarsi il futuro che sono i nostri bambini, negli asili nido e nelle materne. In un asilo nido di Padova, una mamma si è trovata il suo bimbo di due anni vestito da bambina, con tacchi e rossetto.
Ecco allora le generazioni di giovani ancora più fragili, senza Dio e ora senza identità sessuale. Con una società che li invita allo sballo del sabato sera tra alcool e droga e ora gli proporrà la legalizzazione della prostituzione, grazie alla Lega, e la legalizzazione della cannabis, per la quale tutti i partiti trasversalmente sono d’accordo. Cosa dirò a mia figlia, se lo Stato le propone un lavoro con partita iva nelle case chiuse, perfino più remunerativo di altri?
Che immaginario hanno gli adolescenti italiani, della dignità delle ragazze, se già con un click accedono alla pornografia e ora potranno prenotare una prostituta?
In Germania la legalizzazione della prostituzione è stata un fallimento totale che ha aumentato il numero delle ragazze in schiavitù.
Poi c’è l’aborto che in Italia ha aggiunto alle circa 100.000 uccisioni di bimbi all’anno, le 250.000 pillole abortive del 5º giorno vendute al banco nel 2016, mentre nel 2014 c’era bisogno della ricetta e le vendite furono 16.000.
Uccidiamo i bambini che nascerebbero naturalmente, come diritto intangibile e all’80% per motivazioni futili rispetto all’immenso male compiuto anche su se stessi, mentre paradossalmente li facciamo nascere artificialmente, come fanno in Svezia, dove le ragazze si fanno arrivare via Amazon il kit per rimanere incinte.
Aborto per i nascituri ed eutanasia nel fine vita. Con le DAT (approvate da tutti i partiti, solo 37 voti contrari su 650), già ora in Italia si verrà soppressi anche per fame e sete, considerate dalla legge come terapie alla stessa stregua dell’accanimento terapeutico.
A Padova ci sono già 70 richieste dat depositate. Diranno che morire di fame e sete è inumano, ci vogliono circa 14 giorni, e perciò tutto è pronto per la vera eutanasia, sul modello Olanda e Belgio, dove ogni 4 anni raddoppiano i casi di pazienti eliminati con il Pentobarbital, quello per uccidere i condannati a morte.
Saranno tutti casi DJ Fabo, oppure allo Stato conviene spendere 13 € per una puntura, piuttosto che mezzo milione per curare in un anno una persona?
Il popolo italiano è destinato alla estinzione nel giro di una trentina d’anni, avendo la natalità più bassa al mondo e con le immigrazioni programmate di apolidi e cosmopoliti.
La prima proposta di varo immediato che chiederà il PDF, (costa solo 2 miliardi a fronte dei 20 spesi per le Banche), è il Reddito di Maternità per tutte le mamme che vogliono dedicarsi alla cura del loro figlio, assieme al Quoziente di Reddito come in Francia (una famiglia già con tre figli praticamente non paga IRPEF).
Se vuoi, aiutaci a fare conoscere l’emergenza antropologica.

CHI SIAMO

Il Popolo della Famiglia.
Il PDF è l’unico partito che nel suo Statuto si dichiara di ispirazione cristiana e che fonda il suo programma sulla Dottrina Sociale della Chiesa.
Il PDF è aconfessionale e aperto a tutte le persone di buona volontà che vogliono fermare la deriva antropologica.
IL PDF non si schiera con nessun partito in campagna elettorale e chiede il consenso agli elettori esclusivamente sui “principi non negoziabili” (Benedetto XVI).
CI BASTA SOLO FARCI CONOSCERE
Solo il 10% della popolazione ci conosce e non abbiamo televisioni, che insieme ai giornali ci ignorano, perché diamo fastidio a tutti, da destra a sinistra.
In assenza di media, l’unico modo è quello di organizzare piccoli incontri conoscitivi sui temi antropologici e della Famiglia, sopratutto per le famiglie.
Non si tratta di fare propaganda ma piuttosto di annunciare una proposta a difesa dei valori antropologici, sottoponendosi al giudizio critico degli ascoltatori.
Il 4 Marzo votate il Popolo della Famiglia. Ecco il sito ufficiale:

http://ilpopolodellafamiglia.it/

Se riparte la famiglia riparte anche il paese: che esso sia una autentica espressione della famiglia naturale come pensata da Dio.

Luca Preato

Per scaricare la presentazione cliccate su IL POPOLO DELLA FAMIGLIA.

Popolo della Famiglia - programma in sintesi