In Italia certo non ce la spassiamo, se si vede la realtà con uno sguardo cristiano. Invece, dal punto di vista ateo, massonico, modernista e qualunquista le cose non potrebbero andare meglio. Pane e piaceri, non importa di che tipo, ai più non mancano.
Nel Regno Unito comunque sono più avanti di noi; ma quelli che comandano là sono le stesse categorie di persone che governano l’Italia, e che lavorano per stabilire una dittatura mondiale.
Vi raccontiamo allora due storie da quel Paese così potente e così misero. L’unica consolazione è la fede che può guidare i lettori e chi scrive.
La prima vicenda l’abbiamo appresa da un articolo di LifeSiteNews che potete leggere qui.
In Gran Bretagna c’è un’associazione chiamata Mermaids, cioè Sirene, che “sostiene le persone transessuali”. La capa di quest’associazione, una certa Susie Green, ha dimostrato il valore sul campo facendo sottoporre dall’età di 12 anni il figlio Jack, il quale non dubitava di essere una ragazza, a farmaci per bloccare la pubertà. Poi quando aveva 16 anni gli ha pagato il viaggio per la Tailandia dove gli hanno tagliato via i genitali e l’hanno trasformato, per come può un chirurgo, in un’improbabile imitazione di una donna. Tutto questo, ovviamente, al fine di vivere una femminilità non come dono di Dio ma come ricerca di piaceri psicosessuali.
Nella storia c’entra purtroppo una signora, Kellie-Jay Keen-Minshull, madre di quattro figli, che è stata minacciata di arresto e costretta a subire un interrogatorio dalla Polizia. La sua colpa è di aver criticato attraverso Twitter, noto mezzo di comunicazione via internet, l’associazione Mermaids e il trattamento a cui si è sottoposto quel povero figlio.
Al momento, la signora Keen-Minshull sta aspettando che le autorità decidano se formulare un’accusa giudiziaria nei suoi confronti e quindi sottoporla a processo e condanna.
In Gran Bretagna è previsto l’arresto per chi condanni apertamente gli atti omosessuali, e tra gli altri è stato arrestato un prete cattolico già diverso tempo fa.
Nel prossimo articolo, a Dio piacendo, racconteremo un’altra storia sul misero Regno Unito.