Abbiamo scritto in un precedente articolo che gli uomini e le donne al potere nel Regno Unito vogliono far morire il piccolo Alfie Evans perché il suo valore, data la malattia invalidante, può essere solo quello di un piccolo figlio di Dio. Piuttosto che onorare questo bimbo come figlio di Dio, preferiscono ucciderlo, con le proprie mani e le proprie sentenze di morte.
Ora, sappiamo che si diventa figli di Dio con il battesimo cristiano, dato nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Ma Alfie e i suoi due valorosi genitori non sono dei cristiani qualsiasi. Sono dei cattolici. Le dichiarazioni del papà di Alfie, Tom Evans, e la piccola corona verde del Rosario che a volte tiene tra le mani, manifestano al mondo la fede cattolica di questa famigliola.
E l’odio dei figli delle tenebre, soprattutto massoni e atei, che oggi governano l’Occidente, è oggi come una volta diretto contro i cristiani, ma soprattutto contro i cattolici.
Da dove nasce questa inimicizia? Dalla guerra tra Maria, Madre di Dio e dei cristiani, e il diavolo, padre di tutti coloro che amano il peccato e la menzogna. Ed è dunque la guerra tra i figli di Maria e i figli del diavolo. Scrive infatti San Luigi Maria Grignion de Montfort, nel suo Trattato della vera devozione a Maria:

54. Dio non ha posto solo una inimicizia, ma più inimicizie: cioè non solo tra Maria e il demonio, ma tra la stirpe della Santa Vergine e la stirpe del demonio. Dio ha posto delle inimicizie, delle antipatie, delle opposizioni profonde tra gli autentici figli e servi della Vergine Santa e coloro che sono figli e schiavi del demonio; non si possono amare tra loro, non ci può essere intesa degli uni con gli altri. I figli di Belial, gli schiavi di Satana, gli amici del mondo (che sono la stessa cosa) hanno sempre finora perseguitato, e sempre più perseguiteranno quelli e quelle che appartengono alla Santa Vergine, come in passato Caino ha perseguitato suo fratello Abele, ed Esaù suo fratello Giacobbe, che sono le figure dei reprobi e dei predestinati.
Ma l’umile Maria riporterà sempre vittoria su questo orgoglioso: una vittoria così grande che arriverà a schiacciargli la testa, dove risiede il suo orgoglio; ella saprà sempre smascherare la sua malizia di serpente, sventarne le insidie infernali, dissiparne i diabolici progetti e saprà difendere fino alla fine dei tempi i suoi fedeli devoti dai suoi crudeli artigli.
Ma il potere di Maria su tutti i demoni si rivelerà specialmente negli ultimi tempi, quando Satana le insidierà il calcagno, cioè i suoi umili schiavi e i suoi poveri figli che ella susciterà per muovergli guerra. Essi saranno piccoli e poveri agli occhi del mondo, in basso davanti a tutti come il calcagno, calpestati e maltrattati come lo è il calcagno rispetto alle altre membra del corpo; ma in cambio essi saranno ricchi nella grazia di Dio, che Maria comunicherà loro in abbondanza, grandi ed elevati in santità davanti a Dio, superiori ad ogni creatura per il loro zelo coraggioso e saranno così fortemente sostenuti dall’aiuto divino che con l’umiltà del loro calcagno e in unione a Maria schiacceranno il capo al demonio e faranno trionfare Gesù Cristo.

Ed ecco, oggi noi stiamo vivendo gli ultimi tempi profetizzati da San Luigi Maria. Colei che nel libro dell’Apocalisse appare gloriosamente come la «Donna vestita di sole» (12,1) è la Madre e la Condottiera dei suoi figli devoti.
In questi ultimi tempi, c’è chi ha in mano la corona del Santo Rosario, e chi ha in mano il potere che il diavolo gli ha dato per servirlo fino a sprofondare all’inferno.
Non sappiamo se riusciranno a uccidere il nostro fratellino Alfie. Di certo non sarà facile, perché Tom e Kate, i suoi genitori, lottano come leoni per salvare la vita di Alfie in nome di Dio, con il rosario in mano. E tutti noi che abbiamo conservato la fede preghiamo e lottiamo con loro.
Questa è una battaglia di tutti i cattolici, di tutti i figli della luce contro il potere diabolico e passeggero dei figli delle tenebre. In questa battaglia e in tutte le altre che seguiranno, andiamo avanti senza temere nessuno. Viva l’Immacolata e sempre Vergine Maria!

Nell’immagine: Maria Regina dell’Universo schiaccia la testa al serpente. Ai lati, le due facce della Medaglia Miracolosa.