«Questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre» (Lc 22,53)

Avrete anche voi notato che nel Vangelo, i rimproveri più forti del Signore Gesù sono rivolti verso la gente di potere. In particolare, Gesù riprende gli scribi, esperti della legge mosaica, divina, e i farisei, che sembravano osservare la legge più degli altri.
Gesù è vero Dio e vero uomo. Come Dio, vede tutto, sa tutto, e prima o poi interviene con la sua Giustizia. Gesù è di fronte agli ipocriti che cercano le lodi della gente, mentre la loro fedeltà è solo di facciata. In realtà sono avidi, duri, crudeli.
A loro, il Signore dice (Mt 23,27-28):

Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che rassomigliate a sepolcri imbiancati: essi all’esterno sono belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume. Così anche voi apparite giusti all’esterno davanti agli uomini, ma dentro siete pieni d’ipocrisia e d’iniquità.

I rimproveri pronunciati dal Signore suonano sempre molto attuali, perché i potenti della nostra società meritano questo e altro. Ma c’è una differenza.
Nella società ebrea di quel tempo, la rispettabilità si otteneva fingendo di servire Dio e di osservare la sua Legge. Oggi, invece, nella società anticristiana, per essere rispettabili si finge di servire l’uomo, calpestando la Legge di Dio.
Non solo, ma la Legge divina che viene calpestata non è quella affidata a Mosè adattandola agli uomini antichissimi. No, è la Legge divina perfetta che ci ha dato Cristo stesso, Dio fatto uomo.
Vedete come sono belli e giusti all’esterno i potenti di oggi? Politici, giornalisti, intellettuali, medici, magistrati… Sembrano belli e giusti anche gli esemplari della massa che alzano la voce per servire il potere, invece di servire Dio.
Tutta questa gente spesso è curata, ben vestita, magari anche giovane, magari ha pure buone maniere… proprio come se si trattasse di benefattori dell’umanità, e non di «sepolcri imbiancati» «pieni di ossa di morti e di ogni putridume», «d’ipocrisia e d’iniquità».
Sono questi sepolcri imbiancati che manifestano per la contraccezione, il divorzio, l’aborto, le perversioni di ogni tipo, mentre i loro rappresentanti fanno in modo di imporre tutto questo all’intera nazione, all’intero continente, al mondo intero.
A questa gente il Signore Gesù, disprezzato e condannato da altra gente simile, dice nel cuore della notte che stiamo vivendo: «Questa è la vostra ora, è l’impero delle tenebre» (Lc 22,53).
Ma quelli come loro, e anche i Giuda che nella Chiesa hanno tradito Cristo e le sue pecorelle, un giorno si ritroveranno davanti alla Giustizia di Dio, perché hanno disprezzato il suo Amore e la sua Misercordia. Anzi, stanno persino usando la Misericordia di Dio per coprire e giustificare i peccati degli uomini.
Ma noi guardiamo avanti, con il cuore nel Cuore di Cristo, che è unito al Cuore Immacolato di Maria. E concludiamo con le parole dell’Apocalisse (22,11-12):

Il perverso continui pure a essere perverso, l’impuro continui ad essere impuro e il giusto continui a praticare la giustizia e il santo si santifichi ancora.
Ecco, io verrò presto e porterò con me il mio salario, per rendere a ciascuno secondo le sue opere.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...