L’importantissima riparazione ai peccati propri e del mondo

di Rosanna Maria Boccacci

A Fatima l’Angelo della Pace ha chiesto ai piccoli pastorelli Lucia, Giacinta e Francesco di riparare ai tanti peccati del mondo con piccoli sacrifici.
Francesco dice: «Dio è così triste a causa dei molteplici peccati», «se solo fossi capace di rallegrarlo».
Maria Santissima nell’apparizione del 13 maggio 1917 ribadisce il messaggio dell’angelo: «Volete offrirvi a Dio per sopportare tutte le sofferenze, che lui vorrà inviarvi, in riparazione dei peccati con cui egli è offeso e per impetrare la conversione dei peccatori?».
Perché chiede riparazione proprio ai dei piccoli? Perché loro sono i puri: «In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli» (Mt 18,3).
I bambini sono molto importanti in questa opera di riparazione voluta da Dio, ma anche noi peccatori siamo chiamati a questo.

Quindi la riparazione è la partecipazione all’atto espiatorio di Cristo da parte dei cristiani, i quali, unendosi al suo sacrificio di redenzione, chiedono anzitutto il perdono per le proprie colpe e poi per quelle degli altri, specialmente di coloro che rifiutano la Redenzione o addirittura la combattono.

L’atto di riparazione può quindi essere un sacrificio, un offerta e anche l’adorazione sacramentale.
L’adorazione al Santissimo Sacramento in riparazione dei peccati propri e del mondo è l’atto che consola maggiormente Dio.

Quindi se pensiamo che l’Adorazione al Santissimo possa essere molto gradita al Signore, con questa intenzione possiamo capire cosa diventa quando gli adoratori sono bambini.

L’angelo del Portogallo che appare varie volte ai tre piccoli veggenti di Fatima prima che inizino le note visioni mariane del 1917, insegna loro questa preghiera, con la raccomandazione che la recitino più spesso possibile: «Mio Dio, io credo, adoro, spero e Ti amo. Ti chiedo perdono per coloro che non credono, non adorano, non sperano e non Ti amano. Santissima Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo: io Ti adoro profondamente e Ti offro il preziosissimo Corpo, Sangue, Anima e Divinità di Gesù Cristo, presente in tutti i Tabernacoli della terra, in riparazione degli oltraggi, dei sacrilegi e delle indifferenze con cui Egli stesso viene offeso. E per i meriti infiniti del suo Sacratissimo Cuore e per intercessione del Cuore Immacolato di Maria, io Ti chiedo la conversione dei poveri peccatori.

Insegniamo questa bellissima preghiera ai nostri figli!
E se possiamo e vogliamo perché non provare nelle nostre parrocchie ad organizzare un’ora settimanale di adorazione per i bambini? Potremmo vedere i miracoli, le chiese che si riempiranno di fedeli, guarigioni fisiche e spirituali, famiglie che si riappacificano… l’adorazione dei piccoli commuove il Cuore Sacratissimo di Gesù e quello di Sua Madre più di ogni altra cosa.

Rosanna Maria Boccacci è l’Autrice di due ottimi libri:

la-vergine-a-garabandal-e-la-fine-dei-tempi

La Vergine a Garabandal e la Fine dei Tempi
(ispirato resoconto delle apparizioni di Garabandal)
Sul sito dell’Editore

 

 

 

 


Sono manipolati i nostri figli?
Sono manipolati i nostri figli
(agile libretto che parla delle insidie nei confronti dei più giovani)
Su Mondadori Store
Su Amazon.it
Su San Paolo Store


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...