L’insegnamento di una collaboratrice domestica rumena

Ho conosciuto una signora rumena che lavora come collaboratrice domestica in Italia. Grazie a Dio, è cattolica.
Si parlava in presenza di altre due persone chiuse a un discorso di tipo spirituale. Certo, lei avrebbe potuto dire niente o poco più. E invece ha dato la sua testimonianza.
Lei e la figlia, qualche settimana prima, avevano notato in chiesa una persona che, guarda un po’, se ne stava inginocchiata sull’inginocchiatoio e pregava nel luogo per il quale il Signore Gesù si accese di sacro sdegno (Mt 21,13):

La mia casa sarà chiamata casa di preghiera
ma voi ne fate una spelonca di ladri.

Ma ladri di cosa, in realtà? Forse i mercanti nel tempio, scacciati fuori dal Signore, stavano rubando dei soldi a qualcuno? No, stavano commerciando.
Dunque perché Gesù li chiama ladri, perché li caccia via dal tempio? Sì, erano ladri e disonesti. Rubavano a Dio la gloria e la preghiera che gli spettano nel luogo sacro, più ancora che altrove.
Viene allora da pensare a quelli che stanno in chiesa come a un ritrovo qualsiasi, pensando a tutto fuorché a Dio, rivolgendo la parola a tutti tranne che al Signore della vita, presente nel Tabernacolo in Corpo, Sangue, Anima e Divinità.
Ad un certo punto, la signora rumena ha raccontato come vanno le cose in Romania, lontano da Roma che un tempo fu il centro vivo della Cristianità.
In Romania, ha detto, non è lecito entrare in chiesa e guardare di qua e di là, o mettersi a parlare. Non è lecito che una donna entri in minigonna. «Se sta così in chiesa, come sta fuori?», ha osservato. E non è lecito in Romania, per una donna, entrare in chiesa con il rossetto. La signora rumena faceva notare che non è giusto ricevere il Signore Gesù nella Comunione con la bocca truccata di rossetto.
A chi fa cose simili, raccontava la signora, il sacerdote indica la porta.
Tutto questo lei lo diceva con umiltà e serenità, portandosi dietro, credo, il tesoro della sua fede sincera e il carico della povertà e del poco rispetto che a volte riceve.
Le sue parole non sono una lezione di vita? Speriamo che giovi a tante persone.


2 risposte a "L’insegnamento di una collaboratrice domestica rumena"

  1. Ave Maria!
    Carissimo Isidoro,
    proprio ieri mi è stato rimproverato di inginocchiarmi al momento della elevazione dal mio parroco mentre diceva Messa si è interrotto e mi ha intimato di alzarmi perchè tutti erano in piedi,
    per poi prendermi da parte e dirmi che se voglio venire in parrocchia non devo più inginocchiarmi.
    Poi una signora vedendo tutto ciò mi ha detto che avrei dovuto ubbidire al parroco per umiltà.
    Mentre secondo me è umiltà inginocchiarsi davanti al Santissimo Sacramento.
    Grazie per il tuo racconto mi ha dato la risposta che avevo chiesto al Signore.
    Ho capito dove sta la Sua Volontà.
    Rosanna Maria.

    Mi piace

  2. Ave Maria!
    Carissima Rosanna Maria,
    nella tua coscienza certamente hai già avvertito ciò che è giusto.
    In realtà, è la stessa legge della Chiesa che nel Messale prescrive di stare in ginocchio durante l’elevazione e almeno fino a che il sacerdote celebrante abbia pronunciato le parole “mistero della fede”. Meglio ancora, ma non obbligatorio nella S. Messa riformata, rimanere in ginocchio fino a dopo le parole “Per Cristo, con Cristo e in Cristo…”.
    Ho chiesto consiglio a un sacerdote fedele e preparato, che oltre a darmi la conferma di quanto sopra mi ha detto che da parte del tuo parroco si tratta di un abuso gravissimo di potere e contro la tua coscienza. Il buon sacerdote consiglia decisamente di cambiare parrocchia.
    Grazie per la tua testimonianza. La “falsa chiesa” al tempo dei “due papi”, preannunciata dalla Beata Caterina Emmerick, perseguiterà sempre più i fedeli, ma un giorno avrà posto solo all’inferno.
    Isidoro

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...