Roma. Dalla Chiesa dei Santi alla chiesa dei cani

Un sabato di febbraio, in questo tribolato anno 2019, eccomi a Roma, per assolvere un dovere non lavorativo.
Penso sappiate tutti cos’è Roma, o almeno cosa si pensa che sia stata. Le cronache, ormai molto sbiadite e riposte in qualche piccolo forziere, narrano che qui ci fosse una volta nientepopodimeno che il centro della Cristianità. Mah, sarà vero? E poi, che significa?
No, adesso, invece di fare «nuove tutte le cose» (Ap 21,5), si fanno morte tutte le cose, in attesa che qualcuno venga a reggere tra gli applausi e poi nel terrore un nuovo governo mondiale.
Insomma, per farla breve, ho visitato due chiese, in cerca di confessione e per tastare il terreno di una S. Messa domenicale.
Non sono due chiese qualunque, sapete. Sono state costruite entrambe sotto il glorioso pontificato di Pio XII, il Pastore Angelico.
La prima è Santa Emerenziana, nell’omonima piazza. Nome non comune, ma si tratta della martire associata a Sant’Agnese, perché erano sorelle di latte – non di sangue – ed Emerenziana venne uccisa quando manifestò pubblicamente il lutto per Agnese appena martirizzata. Infatti, non a caso qui vicino sorge la Basilica di Sant’Agnese fuori le mura, sopra piazza Annibaliano dove si ferma la metro.
Mi affaccio dalla porta laterale di S. Emerenziana e dentro c’è gente seduta, impegnata a sorbirsi uno spettacolo musicale da circo animato da voci di minorenni. Non vedo i giovanissimi circensi, ma riconosco lo stile. Evito di entrare e me ne vado. Eccovi comunque un’immagine dell’esterno disponibile su internet:

Chiesa di S. Emerenziana, Roma

Fonte:
Di Croberto68 – Opera propria, CC BY 3.0,
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6861788

Dunque, per raggiungere da lì Santa Maria Goretti, la seconda chiesa in lista, bisogna proseguire in direzione opposta rispetto alla Basilica di Sant’Agnese, praticamente lungo viale Libia, verso Montesacro.
Più o meno a metà del viale si gira a destra e si percorre la parallela via di S. Maria Goretti, raggiungendo con pochi passi la chiesa dedicata alla santa fanciulla martire della purezza, e in questo simile a S. Agnese.
La chiesa di S. Maria Goretti fu costruita e inaugurata nel 1954. Esteticamente non è un granché, in quanto assomiglia a un grosso monolite. Dentro è persino peggio, perché con la sua navata unica e lo stile freddo e mediocre ha l’aria di un capannone.
Ma la sorpresa l’ho avuta ancor prima d’entrare. Guardate che patacca hanno appiccicato sopra la porta:

Chiesa S. Maria Goretti - porta dei Neocatecumenali

Chiesa di S. Maria Goretti in mano ai Neocatecumenali

Praticamente, non è più la chiesa di S. Maria Goretti, proclamata santa da Pio XII e dallo stesso Sommo Pontefice onorata con l’iniziativa di dedicarle un luogo di culto. No, è la chiesa neomodernista dei Neocatecumenali, che com’è noto hanno gravi problemi di fede, evidenti soprattutto dal loro maltrattamento della SS. Eucaristia.
Beh, che dovevo fare? Proseguire a piedi verso Montesacro, e poi magari trascinarmi nella notte alla volta di Viterbo? M’è toccato entrare.
Dentro ho scoperto l’interno concepito a mo’ di deposito industriale. Ho faticato a trovare il Tabernacolo, per un motivo molto semplice: è al suo posto, in fondo e al centro del presbiterio, ma ci hanno piazzato davanti tutto l’armamentario modernista-massonico-protestante della riforma liturgica, con una struttura che copre la visuale del Tabernacolo a tutti i fedeli nella navata.
Ciò nonostante ho avuto tre grandi consolazioni, datate, direi, almeno 70 anni l’una.
La prima, una coppia di sposi anziani, ai quali ho chiesto se c’era la possibilità della confessione. Purtroppo, non a quell’ora, è stata la gentile risposta. Siccome il marito se ne stava prima da solo seduto su una sedia vicino a una porta e mostrava un’aria distinta, avevo provato a chiedergli se era un sacerdote. Con un dolce sorriso mi ha detto che era stato una volta chierichetto, aggiungendo umilmente e piamente: «Io non sono nessuno».
Mentre mi allontanavo, ho notato una signora anziana, dall’aspetto umile e povero, un po’ in sovrappeso, che si era seduta girata verso un’immagine della Madonna e teneva in mano una modestissima corona del Santo Rosario. Ho pensato che forse aveva bisogno di aiuto, di conforto e mi si è stretto il cuore. Le sono passato vicino lentamente, non sapendo cosa fare per lei, eccetto ricordarla nel prossimo Rosario. Chissà cos’ha nel cuore, lei, così sola e apparentemente lesa dalla violenza di un’umanità senza più fede.
Allora sono tornato sui miei passi, e ho poi rifatto capolino in S. Emerenziana. L’ingresso laterale ha due porte, una più esterna e una più interna, con un piccolo spazio frapposto. Ero proprio là in mezzo e mi apprestavo ad entrare in cerca di un prete per confessarmi, quando ha fatto irruzione da fuori con aria disinvolta una donna sui 45-50 anni che teneva al guinzaglio un cane. Si avvicina con passo sicuro alla porta interna, e io le chiedo: «Entra col cane?». Lei: «Sì, io di solito entro sempre con il cane». «Ah, qui fanno entrare col cane…», e dicendo questo già sono rivolto di nuovo verso l’uscita. La donna chiede, con una faccia e una voce dove non si coglie segno di vita spirituale: «Ha paura del cane?». Esco.
Chiaro allora che siamo passati dalla Chiesa dei Santi, ormai tanto vecchia che io stesso sono nato dopo, alla chiesa dei cani, nel senso della razza e delle cose sante calpestate dai cani, da persone che hanno un animo di cani quando non di porci.
Direi di concludere con un’altra citazione dal libro dell’Apocalisse (22, 11-15):

Il perverso continui pure a essere perverso, l’impuro continui ad essere impuro e il giusto continui a praticare la giustizia e il santo si santifichi ancora.
Ecco, io verrò presto e porterò con me il mio salario, per rendere a ciascuno secondo le sue opere. Io sono l’Alfa e l’Omega, il Primo e l’Ultimo, il principio e la fine. Beati coloro che lavano le loro vesti: avranno parte all’albero della vita e potranno entrare per le porte nella città. Fuori i cani, i fattucchieri, gli immorali, gli omicidi, gli idolàtri e chiunque ama e pratica la menzogna!

Questa Parola, per quanto nascosta dai Giuda dei nostri tempi, si avvererà sicuramente, perché è Parola di Dio e non di povere creature umane impazzite di superbia.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...