Le Quarantore eucaristiche in riparazione del carnevale

Quarantore nella chiesa del Carmine a Ruvo di Puglia

Oggi nella Chiesa spadroneggiano degli individui, non si sa se più modernisti o più massoni e atei, che perseguitano a morte chiunque nel clero voglia tener viva la santa religione cattolica. Agiscono come il demonio, il loro vero padre, del quale la Sacra Scrittura dice che «come leone ruggente va in giro, cercando chi divorare» (1 Pt 5,8).
I falsi cattolici vedono tali individui come guide spirituali e li trattano con deferenza. A loro non importa ciò che è giusto davanti a Dio, ma solo il rispetto umano.
Qual è invece l’atteggiamento che devono avere i fedeli nei confronti di questi malfattori? Ce lo dice lo stesso San Pietro, continuando la sua lettera: «Resistetegli saldi nella fede, sapendo che i vostri fratelli sparsi per il mondo subiscono le stesse sofferenze di voi» (v. 9).
Ecco perché possiamo parlare oggi ai lettori delle Quarantore eucaristiche, tenute in riparazione dei peccati del carnevale, ma senza riferimento alla comunità religiosa che oggi le inizia nella nostra città, perché si trova già perseguitata dai malfattori di cui dicevamo.
Prendiamo dunque un buon testo disponibile liberamente su internet, che ci parla della devozione delle Quarantore, con particolare riferimento alla chiesa del Carmine a Ruvo di Puglia. Eccone di seguito un ampio estratto.

Un’antica tradizione si ripete ogni anno negli ultimi giorni del carnevale. Si tratta delle solenni Quarantore, l’esposizione del Santissimo Sacramento, nella Chiesa del Carmine.
Il significato originario delle Quarantore è quello di onorare Gesù Cristo durante le quaranta ore in cui giacque nel sepolcro durante la Settimana Santa.
L’origine di questa devozione, che porta il titolo di Oratio quadraginta horarum, è incerta. La prima testimonianza di tale pratica la troviamo tra i Battuti di Zara presso la chiesa di S. Silvestro, già prima del 1214, dove sorse pure la confraternita In Coena Domini delle Quarantore.
L’uso di esporre il SS. Sacramento all’adorazione dei fedeli per quaranta ore continue al fine di propiziarsi l’intervento del Signore, specie in tempi di calamità e guerre, avvenne per la prima volta nel 1527 presso la chiesa del S. Sepolcro a Milano. […] Il Papa Paolo III approvò questa pratica con breve apostolico del 28 agosto 1537.
I Cappuccini, a cui si unirono anche i Minoriti, furono ferventi propagatori dell’uso delle Quarantore; altrettanto zelo fu espresso anche dai Gesuiti, i quali diffusero quest’uso in tutta Europa e in Italia.
Nel Seicento le solenni Quarantore furono introdotte anche nei tre giorni precedenti il mercoledì delle Ceneri, come funzione riparatrice da opporre alle intemperanze del carnevale, sostenuta e diffusa dai Gesuiti.
Anche a Ruvo, e per la precisione nella chiesa del Carmine, si celebravano nel XVII sec. le solenni Quarantore nella domenica di Quinquagesima, l’ultima domenica del tempo di carnevale, e nei due giorni successivi.
Ne danno puntuale notizia le Regole della Congregazione dell’Oratorio di S. Maria del Carmine, l’odierna Arciconfraternita del Carmine, che […] disciplinavano la vita e le opere dei Confratelli. Le Regole furono approvate il 14 settembre 1675 da Clemente X.
Nelle Regole si legge: «Si farà due volte l’anno l’orazione delle Quarant’ore nella Chiesa dell’Oratorio con ogni sollecitudine, sollenittà, e divozione, così dalli fratelli, come da chi altra persona divota vorrà venire in detto Oratorio per l’orazione, una volta sarà il giorno di S. Marco nel mese d’aprile […] l’altra volta sarà la Domenica della Quinquagesima, acciò alcuna persona venga al detto Oratorio, e si levi da qualche scandalo, che potria succedere, in quelli estremi giorni di Carnevale, e pregare il Signore, che riduca il peccatore alla conversione, e si faccia buono christiano». […]
Ancora oggi si tiene, negli ultimi giorni di Carnevale, la solenne esposizione del Santissimo Sacramento nella chiesa del Carmine. […]

Fonte:
http://ilsedente.altervista.org/878/le-solenni-quarantore-al-carmine-rimedio-seicentesco-agli-estremi-giorni-di-carnevale/?doing_wp_cron=1551600227.9131700992584228515625


Una risposta a "Le Quarantore eucaristiche in riparazione del carnevale"

  1. L’Eucarestia diventi il centro del nostro amore, dei nostri pensieri ,delle nostre speranze.
    L’amore e l’Adorazione a Gesù eucaristico ripara tutti i peccati,
    che il Signore illumini i sacerdoti a fare sempre più momenti di adorazione eucaristica.
    Dio solo conta.
    Solo Lui può!
    rosanna.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...