I cattolici, rincretiniti dal modernismo

Chiesa di poveracci
Una chiesa “okkupata” dai rincretiniti.

Già poco dopo la metà del Novecento, l’Occidente si muoveva rapidamente verso l’ateismo di massa e la Chiesa Cattolica ufficiale vedeva, dopo la scomparsa di Papa Pio XII, la rivincita del modernismo.
Da allora, la Chiesa ufficiale modernista ha fatto piazza pulita di quasi tutto ciò che è cattolico: la dottrina, la liturgia (abolita la S. Messa tridentina in latino), la cura delle anime e soprattutto dei giovani, i buoni costumi e il più elementare rispetto di Dio, Patria e famiglia.
Con una Chiesa ufficiale simile, poteva il mondo non passare dall’ateismo indifferente all’odio anticristiano, premessa della dittatura mondiale che si sta già formando?
Un valente sacerdote, sul blog La scure di Elia, ci dà una traccia degli ultimi sessant’anni; di seguito la riassumiamo, inserendo nostre considerazioni.
Nella Chiesa si è pensato di riconciliare la fede cristiana con il pensiero contemporaneo, cioè con una cultura fondata sull’odio contro la Verità cristiana. Ovviamente non è possibile alcuna riconciliazione tra la Cristianità e il pensiero del mondo, per cui il risultato è stato solo quello – voluto dai modernisti – di abbassare la vita della Chiesa e dei cattolici al livello del mondo e dei mondani.
In altre parole, il risultato è stato la perdita della fede. La fede corrotta dei cattolici mondani non è fede. Il Cattolicesimo è uno solo, perché non è una moda che può cambiare seguendo il mondo. Chi rifiuta o non difende con grande forza la dottrina, la liturgia, la pastorale, i costumi che sono tradizionalmente cattolici, non è cattolico. Potrà essere modernista, modaiolo, massone, confuso, miscredente, protestante, ribelle, rincretinito, ma non è certo cattolico.
Già, rincretinito. I cattolici di oggi sono rincretiniti dal modernismo. L’Autore del blog citato nota come «molta gente non capisca più il linguaggio del pensiero realistico né riesca più a seguire un’argomentazione razionale».
Come interpretare, del resto, l’atteggiamento di “fraternità sacerdotali” e sacerdoti che giustamente si richiamano alla Tradizione, ma poi rompono la comunione con la Chiesa di Roma? Non è forse anche questa una conseguenza del modernismo, che nega il principio dell’Autorità? Si può forse essere cattolici fedeli e negare il carattere apostolico della Chiesa Cattolica, cioè il riconoscimento dovuto ai successori di San Pietro e degli Apostoli?
A questa umanità di nuovi barbari che non ragionano più, la Chiesa ufficiale poi cosa offre? Cerca di «catturarla sul piano emotivo confondendola ulteriormente con discorsi articolati su categorie soggettivistiche», cioè con discorsi che al centro non mettono Dio e la Verità cristiana, ma l’uomo comune e le sue voglie.
Inoltre, dalla sottomissione del clero al mondo si è passati alla sua sottomissione agli islamici, ai migranti, agli ecologisti, insomma a tutti quelli che credono fermamente in qualcosa che non è Gesù Cristo Nostro Signore.
Scrive quindi l’Autore citato:

Temo che certe bocche smetteranno di dar fiato in chiacchiere solo quando le gole saranno state tagliate da qualche migrante accolto a braccia aperte… Nei Suoi imperscrutabili disegni, a volte, la Provvidenza lascia che gli empi corrano a rotta di collo verso il baratro perché si puniscano da sé: la loro stessa stoltezza è causa del castigo. Il Signore preserverà dalla morte quanti hanno una mente lucida e una fede genuina, in modo che, grazie a loro, si possa ripartire da capo ricostruendo la vita cristiana sulle basi di un pensiero sano. Gli apostati sopravvissuti al repulisti andranno confinati in regioni isolate e inospitali dove procurarsi da vivere da sé; così riscopriranno che una mela è una mela, che un cane è un cane, che un uomo è un uomo… che Dio è Dio.

E ancora:

Ironia a parte, sarebbe un’opera altamente meritoria – se fosse permesso – cacciare a pedate da curie e facoltà i corruttori delle menti e delle anime. In attesa che arrivi il giorno, per ora dobbiamo pregare e agire perché il Signore raduni i Suoi autentici fedeli e li unisca strettamente in vista del Suo intervento.

E noi, conserviamo la retta fede cattolica e lottiamo per condividerla con gli altri, in attesa che il Signore intervenga?


2 risposte a "I cattolici, rincretiniti dal modernismo"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...