La custodia dello sguardo. Dalla vita di San Domenico Savio

San Domenico Savio, La morte ma non peccati

Citiamo un passo da Il giglio di Mondonio. San Domenico Savio, libretto di Don Giuseppe Tomaselli (1902-1989) dedicato al giovanissimo Santo (1842-1857), che con la famiglia si stabilì a Mondonio nel Piemonte e meritò l’appellativo di “giglio” per la sua santa purezza.

Piccoli drappelli di giovanetti si avviavano alla scuola. Chi canterellava, chi zufolava, chi chiacchierava. Qualcuno lanciava dei sassi e qualche altro altercava.
Anche Domenico si avviava alla scuola. Il suo contegno era riservato; i suoi occhi non vagavano e non si fermavano a mirare donne.
I giovanetti videro lungo la strada un pubblico spettacolo. Uomini e donne eseguivano dei giuochi, però non sempre erano castigati nelle parole e nei gesti. Tutti guardavano e ridevano. Domenico non si fermò a guardare.
Prima di entrare in classe, tutti commentavano il pubblico spettacolo.

– E tu, Savio, disse uno, hai visto che bei giuochi? Non ti sono piaciuti?
– Ma io ho visto niente!
– Non hai visto niente? Oh, sciocco! E come si può non vedere tali spettacoli? E che cosa vuoi dunque fare degli occhi, se non te ne servi a mirare queste cose?
– Io voglio servirmene per mirare il volto della nostra Celeste Madre Maria, quando andrò a trovarla in Paradiso.
– Ma vattene via, che sei strano e mi fai arrabbiare col tuo modo di parlare!
– Per la purezza non si fa mai troppo; e poiché so che i pubblici spettacoli sono un pericolo per questa virtù, preferisco rinunziarci!

O giovani, che non sapete rinunziare ad una trasmissione televisiva e, pur trovandovi tanto fango morale, non vi risolvete a troncare tale divertimento, rispondete: Come si trova il giglio della vostra purezza? È profumato?… Vi lamentate di non saper resistere alle tentazioni impure, perché sono troppo forti!… Ma perché non togliete legna al fuoco? Così la fiamma si estinguerà. Domenico Savio fuggiva le occasioni e perciò la sua mente era serena ed il suo cuore immacolato.

Fonte:
http://www.preghiereagesuemaria.it/santiebeati/san%20domenico%20savio%20il%20giglio%20di%20mondonio.htm

San Domenico Savio e San Giovanni Bosco
San Domenico Savio con San Giovanni Bosco, il Don Bosco che fu maestro e guida per Domenico e tanti altri giovani. La tomba di San Domenico e le spoglie abbellite di Don Bosco si trovano, esposte alla venerazione dei fedeli, nella Basilica di Maria Ausiliatrice, nel centro di Torino.

Una risposta a "La custodia dello sguardo. Dalla vita di San Domenico Savio"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...