Presentazione e programma del movimento politico Italia Cristiana. Con una nota di Lucechesorge

Italia Cristiana - Presidente Fabrizio Verduchi

Grazie al Cielo, nel nostro Paese abbiamo anche Italia Cristiana, un movimento politico di buoni principi cattolici. Di seguito ne trovate una loro presentazione, il programma e una nostra nota che riteniamo sia importante aggiungere.

Cari amici, purtroppo attualmente non esiste una rappresentanza politica cattolica in Parlamento che difenda la nostra identità cattolica e i nostri valori all’interno delle istituzioni. Molti si lamentano, ma poi subiscono questo disfacimento della società e questa corruzione delle istituzioni con indifferenza e apatia. Noi abbiamo una coscienza cristiana e la nostra fede in Cristo è necessariamente unita ad un’azione politica improntata sui valori irrinunciabili di questa fede viva. Dobbiamo crescere per portare la nostra identità e i nostri valori nelle istituzioni, e lo possiamo realizzare insieme a voi. Anche un piccolo contributo può essere importante, anche dedicare poco tempo può aiutare a costruire questo progetto politico di evangelizzazione.

PROGRAMMA

Il nostro programma politico nazionale.

FAMIGLIA – Siamo per una politica a favore della famiglia naturale fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna, prevedendo un regime fiscale basato sul reddito familiare. Proponiamo sgravi fiscali per ciascun figlio in modo direttamente proporzionale al numero ed assegni mensili di almeno € 200 per ogni figlio per famiglie con più di due figli. Per ogni bambino nato elargizione di Bonus-bebé di € 300 mensili dalla nascita fino al compimento del 3° anno (con reddito inferiore ai € 48.000). Abolizione del divorzio, causa della disgregazione della famiglia e quindi della società stessa. Riforma dell’attuale legge sulle adozioni, per snellire le attuali procedure burocratiche, garantendo la necessaria tutela dei bimbi. Crediamo in uno Stato responsabile che conceda diritti dopo aver ottemperato ai propri doveri, riteniamo inaccettabile qualsiasi riconoscimento giuridico-istituzionale delle coppie di fatto, nonché di quelle omosessuali.

VITA – A difesa della sacralità della vita proponiamo l’abolizione della legge “194”, per fermare lo sterminio di Stato praticato attraverso l’aborto, sostegno economico per le ragazze-madri e per tutti gli istituti cattolici e non (nel rispetto del diritto naturale) che intenderanno aiutare queste donne a portare a termine la gravidanza. Esenzione pagamento ticket per gli esami necessari durante il periodo della gravidanza. Siamo contrari alla disumana pratica dell’eutanasia, nonché ad ogni forma di manipolazione genetica e di fecondazione extracorporea sia essa omologa che eterologa.

ECONOMIA – Sosteniamo un’economia che sia al servizio della persona e del bene comune secondo una concezione economica fondata sui principi di solidarietà, sussidiarietà e di cooperazione, nonché sull’azione dei corpi sociali intermedi, che abbiano la loro legittima rappresentanza nei luoghi legislativi e decisionali, è così possibile attuare un’economia sociale che difenda la dignità e i diritti fondamentali di ogni persona. Lo Stato deve sostenere il diritto di iniziativa economica di ogni cittadino.
Le banche siano vincolate ad erogare mutui ad un tasso fisso legale non superiore al 2% per rilanciare le nuove imprese o quelle in difficoltà che si impegnano ad offrire nuova occupazione.
Attualmente la Banca d’Italia è di proprietà, in grande maggioranza, di banche e società private, per garantire indipendenza dai Poteri Forti e dalle pressioni dell’Alta Finanza riteniamo opportuno che la suddetta proprietà sia completamente dei cittadini. Crediamo sia necessario uscire dall’Euro e ristabilire la proprietà popolare della moneta.

CASA – Per le giovani coppie, per le famiglie con più di due figli e per quelle disagiate proponiamo mutui agevolati ad un tasso legale non superiore al 2,5% con il relativo acquisto della proprietà della 1ª casa, pagando il canone anche per oltre 30 anni.
La prima casa è un diritto e un bene fondamentale di ogni cittadino e di ogni famiglia, non un lusso! È ingiusta e inaccettabile qualsiasi tassa che colpisca il cittadino su questo bene primario.

TASSE – Crediamo che il principio fondamentale in un sistema tributario che sia giusto ed equo si realizzi attraverso tasse che siano distribuite proporzionalmente alla capacità contributiva dei cittadini. L’attuale pressione fiscale non è accettabile, perché eccessiva e perché i cittadini non ricevono alcun servizio proporzionato alle tasse versate. Inoltre l’imposta non può mai diventare, per opera dei poteri pubblici, un comodo metodo per colmare i deficit provocati da una precedente amministrazione imprevidente. Abolizione del canone Rai. Siamo favorevoli all’abolizione dell’IVA che consideriamo una tassa profondamente ingiusta perché non tiene conto dello stato economico di chi acquista un bene o un servizio.

LAVORO – Indispensabile è offrire una retribuzione equa e capace di sostenere il costo effettivo della vita di ogni singolo cittadino e della propria famiglia. Crediamo inoltre che la partecipazione agli utili aziendali, possa essere un ottimo incentivo a mantenere una sana cooperazione tra imprenditori e lavoratori.

SCUOLA – Nel cooperare alla formazione dei giovani e garantire la libertà educativa, ci batteremo affinché genitori, che lo desiderino, siano liberi di mandare i loro figli in scuole private cattoliche, attraverso l’elargizione, per ciascun figlio, di buoni-studio.

DISABILI – Sostegno economico reale. Assistenza sanitaria gratuita. Abbattimento delle barriere architettoniche esistenti partendo dai grandi centri e reale applicazione delle vigenti leggi. Istituzione di un dipartimento ministeriale affinché siano garantiti i diritti dei disabili. Le classi scolastiche dove siano presenti studenti disabili devono avere un numero ridotto di alunni.

PENSIONI – Abolizione della Riforma “Fornero”, proponiamo che l’età pensionabile sia di 56 anni per le donne e di 60 anni per gli uomini. Le pensioni debbono essere legate all’effettivo costo della vita e non al tasso d’inflazione programmata (che si rapporta ad un paniere oramai fittizio). In tale maniera le pensioni potranno mantenere nel tempo il loro valore e non perderlo gradualmente come avviene oggi.

SANITÀ – La Sanità Pubblica deve essere qualificata, competitiva e gratuita. Negli ultimi anni, nascondendosi dietro la scusa della crisi economica, sono state sottratte risorse destinate alla salute, non è accettabile che la salute, anziché un bene universale da assicurare e difendere, diventi una semplice merce sottoposta alle leggi di mercato e quindi un bene riservato a pochi. Siamo contrari al nuovo obbligo vaccinale, pur reputando i vaccini utili alla salute, chiediamo maggiori controlli sulla qualità.

PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETÀ – In una società correttamente organizzata riteniamo fondamentale garantire e tutelare il principio di sussidiarietà, ossia il rispetto da parte dello Stato verso quei gruppi intermedi, quali ad esempio la famiglia e l’associazionismo, prestando loro l’aiuto e la protezione di cui hanno bisogno in vista del bene comune, garantendo così, quell’equilibrio sociale che si fonda sul diritto dell’uomo alla sua dignità e libera iniziativa.

GIUSTIZIA – Per ovviare alle disfunzioni della giustizia è necessaria una vera riforma basata sulla drastica riduzione dei tempi necessari al fine di ottenere un giudizio definitivo sia in materia civile che penale. Ciò è possibile ampliando l’organico dei magistrati e procedendo ad una revisione dei codici di procedura. Inoltre, chiediamo maggiore certezza della pena che non deve consistere nella mera reclusione dei condannati in celle malsane ed inidonee a contenere la moltitudine dei reclusi, ma in vere e proprie “case lavoro”, dove sia reso più facile il reinserimento sociale dei condannati e l’effettiva rieducazione dei medesimi. Attualmente assistiamo ad una grave ingerenza del Potere Giudiziario sul Potere Legislativo, troppo spesso leggi dello Stato sono state arbitrariamente abrogate o sovvertite dalla Magistratura.

IMMIGRAZIONE – Convivenza pacifica tra i popoli ed un’ospitalità decorosa agli immigrati in base alle disponibilità economiche e finanziarie del paese, limitando i flussi di immigrazione incontrollata.

AMBIENTE – La salvaguardia dell’ambiente si può concretizzare solamente attraverso una corretta concezione del rapporto dell’uomo con l’ambiente che non porti ad assolutizzare la natura né a ritenerla più importante della stessa persona.

UNIONE EUROPEA E POLITICA ESTERA – Siamo contro l’attuale Unione Europea governata da massoneria e lobby economiche dell’Alta Finanza, siamo favorevoli ad una Confederazione Europea di Stati, in cui sia garantita la sovranità dei singoli popoli. Per salvare la nostra economia è fondamentale uscire dall’Euro. Siamo favorevoli alla costituzione di una interforza militare europea, che sia indipendente da altri organismi militari, al fine di difendere e mantenere la vera pace. Relazioni diplomatiche ridotte al minimo indispensabile per tutti quei Paesi i cui governi siano manifestamente totalitari, razzisti, anticristiani e in cui siano negati i diritti e le libertà fondamentali dell’uomo.

PARTITOCRAZIA E PRIVILEGI – Finanziamento pubblico ai partiti e privilegi aumentano le tasse e riducono i servizi ai cittadini. Contro l’attuale dilagante degenerazione e corruzione degli apparati partitocratici proponiamo l’abolizione di qualsiasi forma di finanziamento di denaro pubblico ai partiti, i fondi per sostenere l’azione politica di ogni movimento o partito devono giungere esclusivamente da privati cittadini, con un tetto massimo di € 5.000 per ogni singola persona fisica, proponiamo inoltre di escludere l’attuale finanziamento da parte di società a scopo di lucro, che molto spesso in campagna elettorale è adottato per aggraziarsi i favori di un politico o di un intero partito da parte delle imprese.
Per favorire il principio di politica come servizio volontario di un cittadino alla comunità crediamo sia doveroso abolire tutti i privilegi non utili ai fini istituzionali, eliminare i vitalizi ossia le pensioni percepite con pochi anni di contributi e infine ridurre del 50% gli attuali stipendi.

IDENTITÀ CRISTIANA – Contro il dilagante laicismo e l’intolleranza anticattolica ci battiamo per la difesa del Crocifisso nei luoghi pubblici e della nostra identità cristiana contrastando ogni progetto di legge che depauperi ulteriormente sotto il profilo giuridico e istituzionale la nostra Fede.
Chiusura dei negozi la Domenica (salvo le eccezioni previste), giorno sacro della cristianità, per poter dare la possibilità a tutti i fedeli di poter partecipare alle celebrazioni liturgiche, dedicarsi alla famiglia ed al riposo.

TURISMO – L’Italia possiede il più grande patrimonio naturalistico, storico e artistico, inoltre è meta di un considerevole turismo religioso. Troppo spesso non vi è né tutela, né valorizzazione dei Beni Culturali. Innumerevoli sono le situazioni di totale abbandono con il rischio della perdita irreversibile di una ricchezza inestimabile. Investire sul turismo significa creare occupazione e benessere, rilanciando l’economia.

DROGA – Condanniamo la liberalizzazione delle droghe e la classificazione tra droghe “leggere” e “pesanti”, antiquata e scientificamente infondata.

CULTURA E SOCIETÀ – Sanzioni e/o eventuale sospensione del servizio per tutti quei mass-media che trasmettono programmi volgari, erotici e/o pornografici o particolarmente violenti. Condanna di ogni potere occulto e conseguente scioglimento delle associazioni segrete e/o di stampo massonico. Reale applicazione delle pene severe per tutti coloro che si macchiano del reato di pedofilia. In difesa della dignità della donna ci opponiamo a qualsiasi forma di prostituzione, anche disciplinata.

Fonte:
http://www.italiacristiana.it/sostienici/
http://www.italiacristiana.it/il-programma-2/

Nota di Lucechesorge

Il programma di Italia Cristiana è ineccepibile ed entusiasmante, tranne per quanto riguarda l’immigrazione.
Attualmente l’Italia, come pure ogni altra nazione occidentale, è invasa da immigrati musulmani, che tenendo fede al Corano odiano la nostra santa fede cattolica, non vogliono diventare amici dei cristiani, sono chiamati a sottomettere tutti all’Islam con la violenza e l’inganno, hanno alle spalle secoli e secoli di atrocità commesse contro uomini, donne e bambini cristiani e non, sono autorizzati e invitati a sposare bambine, a praticare la poligamia, a violare le donne non islamiche, praticano la mutilazione e l’omicidio nei confronti di chi trasgredisce disposizioni coraniche o non si sottomette all’Islam.
Nei confronti di questa gente, che rappresenta una gravissima, incombente minaccia per la nostra sicurezza, l’unica soluzione è mandarli via tutti. Pensare qualcosa di diverso è un errore fatale e suicida.
Tuttavia Italia Cristiana ha una certa coscienza del male rappresentato dall’immigrazione di massa, e merita sostegno per il suo programma.
Da notare fra l’altro che il solo altro movimento con un programma cattolico è Forza Nuova. Forza Nuova tuttavia non propone l’abolizione del divorzio e la chiusura domenicale dei negozi; inoltre come sappiamo non lo si può definire un movimento pienamente cattolico, in quanto porta avanti il concetto di rivoluzione e comportamenti estremi non rispettosi delle nostre Forze dell’Ordine.
Invitiamo chi può e vuole impegnarsi nella politica, per salvare l’Italia, a collaborare con Italia Cristiana, rendendo cosciente il movimento del pericolo rappresentato dai musulmani in Occidente. Chi non è portato per l’attività politica, farebbe bene comunque a sostenere Italia Cristiana, senza dimenticarsi di segnalare al movimento il pericolo islamico.
È stato osservato che se gli islamici finora non hanno colpito l’Italia con atti di terrorismo, questo è per avere la possibilità di entrare in gran numero e organizzarsi. Poi, quando saranno abbastanza forti sul nostro territorio – e forse lo sono già – potranno attaccare e travolgere gli italiani, in gran parte uomini senza più fede né preparazione militare.


5 risposte a "Presentazione e programma del movimento politico Italia Cristiana. Con una nota di Lucechesorge"

  1. Alcuni punti meritano certo attenzione e condivisione.
    Non l’uscita dall’Euro.
    Poi, essere per un Europa (Con)Federale con monete diverse è una contraddizione in quanto improponibile. Come gli USA senza Dollaro.
    Concordo sull’immigrazione.
    Mi pare una linea ragionevole e non estrema.
    La sua sui Musulmani caro Isidoro mi pare invece decisamente estrema.
    Tutto vero che in Islam vigono le pratiche da lei indicate, ma in una parte di Islam decisamente minoritaria.
    Pur essendo molto diversi per cultura e Tradizione, credo che con la maggior parte di Islamici si possa serenamente convivere come già si fa.
    Ci rubano la nostra Identità?
    Beh..se si ha questa paura è perché si ha una Identità debole.
    Personalmente sono talmente sicuro del mio essere Cristiano e Cattolico che non ho alcun problema a rapportarmi con i Musulmani.
    Ho una signora delle pulizie Musulmana.
    Le dico che non di rado va a Messa con mia madre e prega la Madonna molto venerata da loro.
    La religione islamica è fondamentalmente un Cristianesimo con delle eresie.
    Ci sono nel Corano tutti i “personaggi” Biblici.
    Certo, non credono alla divinità di Gesù ed è appunto un eresia rispetto al Cristianesimo.
    Ne hanno comunque una considerazione ben più alta che i “fratelli” Ebrei, che ancora oggi, in buona parte, lo ritengono un impostore.
    La mia non è una difesa dell’Islam, di cui riconosco le contraddizioni.
    Ne sto facendo un quadro reale al di fuori di un ideologia da Crociata.
    Ne sono appassionato di Crociate e ho un venerando rispetto per quei Fratelli che vi parteciparono per motivi espiatori e spirituali.
    Ma vanno collocate nella Storia.
    Poi, se si conosce un po la Storia delle Crociate, si sa che nonostante dure e cruente battaglie c’era anche rispetto tra Franchi e Musulmani. Saladino ebbe buoni rapporti con Re e condottieri Crociati.
    Inoltre, a dire il vero, molti Cattolici sono tiepidini.
    Vanno a Messa quasi per abitudine e mal volentieri. Si nota durante le funzioni.
    Per non parlare di chi è solo Battezzato ma non vede mai una Chiesa.
    Buona parte dei Musulmani prega di più e ha più attenzione al ( loro ) sacro.
    Il fatto che le donne portino il velo non è un punto a sfavore ma al contrario.
    Non portava il velo Maria ?
    E le nostre vecchie ?
    Non avevano quasi sempre la testa velata e assolutamente sempre a Messa ?
    In definitiva, non frequento in massa i musulmani. Tuttavia ne conosco ed ho un bel rapporto e la Religione non mi divide. E non sono un modernista, anzi. Anche di fronte a loro tengo ben alti i miei sacri valori Cristiani e Cattolici. E le assicuro che non sono così distanti ai loro.
    Poi certo, per loro è inconcepibile un Dio Trino e soprattutto in Croce. E qui ognuno rimane nel suo e so bene io dove sta la Verità.

    Tornando ad Italia Cristiana, mi informero’ meglio.
    Ho sempre votato partiti eredi della DC e mi ritengo ancora un Democristiano, posizionato alla Destra interna.
    Penso che al momento chi esprime con realismo i Valori Cristiani sia ancora e solo l’UDC anche se ridimensionato rispetto al passato.
    Realisticamente perché ci sono alcune cose che purtroppo non si possono più abolire, come il divorzio.
    Un partito Cristiano si deve porre in ambito certamente critico di tale pratica, ma pensare di abolirla è utopia che non porta da nessuna parte.
    E forse neanche sarebbe giusto.
    Dio ci ha lasciato il Libero Arbitrio.
    Lasciamo che uomini e donne ragionino e valutino dove può portare un divorzio e quali sono i negativi effetti.
    Sarà poi il Signore ad essere Giudice.
    Bene invece il piano Famiglia e abbastanza bene il piano sui tributi.
    Abolire IVA ?
    No. Rimodularla.
    Tenerla molto bassa sui beni di prima necessità.
    Comunque partito da seguire.

    Saluti e Pace in Cristo e Maria.

    "Mi piace"

    1. Caro Fabrizio, grazie per l’interesse dimostrato.
      Sull’euro e il pericolo islamico non posso che tener fede alle posizioni già espresse. Il dollaro va bene per gli USA, perché là vi è una certa omogeneità. In Europa invece vi sono enormi differenze di funzionamento economico e soprattutto d’intenti fra le varie nazioni. L’euro è solo uno strumento dei poteri forti finalizzato alla distruzione anche economica dell’Italia, a favore soprattutto della Germania, che attraverso l’euro si è impadronita delle nostre ricchezze.
      https://lucechesorge.org/2015/11/23/germania-vs-italia-ecco-chi-ci-ha-guadagnato-dalleuro/
      Sulla concezione dello Stato e la DC le segnalo i seguenti articoli: https://lucechesorge.org/2017/08/20/lo-stato-deve-essere-cattolico-la-liberta-religiosa-come-va-intesa/
      https://lucechesorge.org/2016/06/01/le-buone-ragioni-della-monarchia/
      https://lucechesorge.org/2015/12/05/la-democrazia-cristiana-rovina-del-cristianesimo-in-italia/
      Poi vorrei ricordarle che approvare la libertà del divorzio va contro la morale cattolica e gli insegnamenti immutabili della Chiesa, e quindi per quanto so costituisce peccato.
      Offro alla Madonna la mia preghiera per lei.

      "Mi piace"

      1. Si, però è un paradosso professare un Europa Federale o Confederale senza una moneta unica.
        Non è l’Euro in se che va cambiato. Ma le regole che lo determinano.
        Vado spesso in Francia ( per religione in quanto sono devoto del Santo Curato di Ars e seguo lo Spirito di Paray le monial ) e non dover cambiare la moneta è gran cosa. Prima si doveva cambiare e con la Lira ci si perdeva in tutta l’Europa Occidentale.
        Per quanto riguarda il divorzio lo considero uno dei cancri sociali oltre che un peccato che offende Dio.
        Ma Gesù non ha detto di vietarlo, bensì che chi divorzia e si risposa commette adulterio e che ciò che si slegata in terra è slegato nei Cieli.
        Comunque vietarlo è ormai impossibile. Quindi è utile chi mette in guardia dai disastri relativi ad un divorzio. Famiglia disgregata, figli come palline di flipper di qua e di la. E peccato mortale ovviamente.
        Per come la vedo io, la Fede è il Trascendente, la politica deve essere il razionale del Trascendente.
        I partiti che propongono programmi irrealizzabili li trovo poco utili.
        O quantomeno bisogna iniziare dal piccolo sentiero per arrivare allo stradone.
        Pace in Cristo e Maria.

        "Mi piace"

      2. Dobbiamo ringraziare Dio che in Italia ci siano movimenti politici decisi a far rispettare la morale cattolica. E dobbiamo rimboccarci le maniche e dimostrare il valore della nostra fede. I “partiti dei programmi realizzabili” sono per i cristiani che hanno rinunciato a combattere, e i risultati si vedono.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...