Presentation of The Way of Purity: To be true children of Mary

This is the presentation of The Way of Purity: To be true children of Mary, which is the English version of La via della purezza. Per essere veri figli di Maria, one of my new Italian books.

(Questa è la presentazione di The Way of Purity: To be true children of Mary, la versione inglese de La via della purezza. Per essere veri figli di Maria, uno dei miei nuovi libri in italiano).

Dear Reader,

I present to you a book that has to do with the greatest questions of our life.
As you can already notice from the title, everything here is seen from the standpoint of purity and devotion to Our Lady, two aspects of a believer’s life that are inseparable.
We need to share the treasure of faith, love and purity especially nowadays, when all of this is fought against like never before in human history.
It is a fiery battle indeed, or rather a war that will mark the end of a decaying world and the renewal of all that exists. Continue reading “Presentation of The Way of Purity: To be true children of Mary”

L’importantissima riparazione ai peccati propri e del mondo

di Rosanna Maria Boccacci

A Fatima l’Angelo della Pace ha chiesto ai piccoli pastorelli Lucia, Giacinta e Francesco di riparare ai tanti peccati del mondo con piccoli sacrifici.
Francesco dice: «Dio è così triste a causa dei molteplici peccati», «se solo fossi capace di rallegrarlo».
Maria Santissima nell’apparizione del 13 maggio 1917 ribadisce il messaggio dell’angelo: «Volete offrirvi a Dio per sopportare tutte le sofferenze, che lui vorrà inviarvi, in riparazione dei peccati con cui egli è offeso e per impetrare la conversione dei peccatori?».
Perché chiede riparazione proprio ai dei piccoli? Perché loro sono i puri: «In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli» (Mt 18,3).
I bambini sono molto importanti in questa opera di riparazione voluta da Dio, ma anche noi peccatori siamo chiamati a questo.

Quindi la riparazione è la partecipazione all’atto espiatorio di Cristo da parte dei cristiani, i quali, unendosi al suo sacrificio di redenzione, chiedono anzitutto il perdono per le proprie colpe e poi per quelle degli altri, specialmente di coloro che rifiutano la Redenzione o addirittura la combattono. Continua a leggere

Sento nostalgia di mia Madre

Siamo in tempo d’estate, ma non è un’estate come le altre. Ogni anno, le donne si svestono per le strade in modo ancora più spinto. E per un uomo che vuole conservare il cuore puro, questo è uno spettacolo desolante, non piacevole.
Anche quando le donne coprono un po’ le gambe, il petto e le braccia, su una cosa sembra che dobbiamo essere tutti d’accordo: l’ammirazione del loro fascino esteriore.
Le donne dell’era anticristiana vogliono essere ammirate. Ammirate per il loro viso, magari truccato, per i loro capelli, magari con la messa in piega e un colore creato ad arte, e ammirate per il loro corpo e i loro vestiti, scelti non per esprimere un legame spirituale con Dio ma per far meglio risaltare il loro aspetto esteriore.
Per lunghi secoli, nell’era cristiana dell’umanità, il Medioevo, le donne avevano nel cuore Dio e si vestivano, in tutto l’Occidente, per imitare la Madonna, dalla testa ai piedi. Erano immagini e imitatrici di Lei, di Maria Immacolata, agli occhi di ogni altra persona e in particolare dei loro mariti e dei loro figli.
Quelle vere donne non pensavano ad esibirsi, ma lasciavano appena intravedere la loro bellezza esteriore, per mostrare la bellezza interiore di chi appartiene a Dio e lo serve con tutto il cuore. Così gli uomini potevano apprezzare in modo spirituale e devoto anche la bellezza esteriore delle donne. Continua a leggere

Vuoi sconfiggere il demonio? Invoca il nome di Maria!

Scrive sant’Alfonso Maria de’ Liguori ne Le glorie di Maria (capitolo 11):

Quante belle vittorie sui nemici hanno riportato i devoti di Maria in virtù del suo santo nome!
Così li vinse sant’Antonio da Padova, così il beato Enrico Suso, così tanti altri servi fedeli di Maria.
Leggiamo nelle relazioni dei missionari in Giappone che in quel paese apparvero a un cristiano molti demoni in forma di animali feroci per spaventarlo e minacciarlo, ma egli disse loro: « Io non ho armi che voi possiate temere; se l’Altissimo ve lo permette, fate di me quel che volete. In mia difesa ho soltanto i dolcissimi nomi di Gesù e di Maria ». Aveva appena detto ciò, che al suono dei temibili nomi la terra si aprì inghiottendo quegli spiriti superbi.
Sant’Anselmo attesta per sua esperienza di aver veduto e udito molti che pronunciando il nome di Maria sono stati subito liberati da ogni pericolo. Continua a leggere

Lodi alla Madonna

“Infine, il mio Cuore Immacolato trionferà!”
Nostra Signora di Fatima, 1917

Lodi alla Madonna

Vergine madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura,
termine fisso d’etterno consiglio,

tu se’ colei che l’umana natura
nobilitasti sì, che ’l suo fattore
non disdegnò di farsi sua fattura.

Nel ventre tuo si raccese l’amore
per lo cui caldo ne l’etterna pace
così è germinato questo fiore.

Qui se’ a noi meridiana face
di caritate, e giuso, intra ’ mortali,
se’ di speranza fontana vivace.

Donna, se’ tanto grande e tanto vali,
che qual vuol grazia e a te non ricorre
sua disianza vuol volar sanz’ali.

La tua benignità non pur soccorre
a chi domanda, ma molte fiate
liberamente al dimandar precorre.

In te misericordia, in te pietate,
in te magnificenza, in te s’aduna
quantunque in creatura è di bontate.

Dante Alighieri
Divina Commedia, Paradiso, Canto XXXIII.

Note:
3. termine fisso d’etterno consiglio: termine fondamentale che Dio ha stabilito con la sua decisione (consiglio) nell’eternità.
10. meridiana face: luce (face, fiaccola) di splendore come del sole nell’ora meridiana.
11. giuso: giù
16. pur: soltanto
17. fiate: volte
21. quantunque: ogni cosa che

Come e perché i cristiani sono figli di Maria?

Da Padre Emilio Neubert, Il mio ideale: Gesù figlio di Maria, libro I.

IV. MIA MADRE, MADRE TUA

1. Gesù: Fratello mio, non puoi veramente imitare la mia pietà filiale verso Maria se non sei, come me, suo figlio. Ma sai veramente fino a qual punto sei figlio di Maria?
Molti cristiani credono di saperlo, e infatti chiamano Maria loro Madre. Eppure la maggior parte di essi hanno della sua maternità un’idea assai imperfetta: amano Maria «come se» Lei fosse loro Madre.
Ora, che cosa ti risponderebbe colei che ti ha partorito, se tu le dicessi: «Ti amo come se tu fossi mia madre»? Non sono pochi coloro che ritengono Maria loro Madre unicamente per effetto di quella parola che pronunciai prima di spirare, quando, vedendo mia Madre ai piedi della croce, e accanto a Lei il discepolo prediletto, le dissi: «Donna ecco tuo figlio», e a Giovanni: «Ecco tua madre».
Senza dubbio la mia parola avrebbe potuto affidare a Maria una missione materna e creare in Lei premure simili a quelle di una madre; ma se la sua maternità fosse soltanto il frutto di quella parola, si tratterebbe di una maternità puramente adottiva.
Ora invece devi comprendere che Maria è tua «vera» Madre nell’ordine soprannaturale, come ti è Madre nell’ordine della natura colei che ti ha messo al mondo.

2. Madre è la Donna che dà la vita. Ora, Maria ti ha dato la vita per eccellenza. Te l’ha data a Nazareth, sul Calvario e al tuo Battesimo. Continua a leggere

Il piccolo Alfie e la Donna vestita di sole

Abbiamo scritto in un precedente articolo che gli uomini e le donne al potere nel Regno Unito vogliono far morire il piccolo Alfie Evans perché il suo valore, data la malattia invalidante, può essere solo quello di un piccolo figlio di Dio. Piuttosto che onorare questo bimbo come figlio di Dio, preferiscono ucciderlo, con le proprie mani e le proprie sentenze di morte.
Ora, sappiamo che si diventa figli di Dio con il battesimo cristiano, dato nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Ma Alfie e i suoi due valorosi genitori non sono dei cristiani qualsiasi. Sono dei cattolici. Le dichiarazioni del papà di Alfie, Tom Evans, e la piccola corona verde del Rosario che a volte tiene tra le mani, manifestano al mondo la fede cattolica di questa famigliola.
E l’odio dei figli delle tenebre, soprattutto massoni e atei, che oggi governano l’Occidente, è oggi come una volta diretto contro i cristiani, ma soprattutto contro i cattolici.
Da dove nasce questa inimicizia? Dalla guerra tra Maria, Madre di Dio e dei cristiani, e il diavolo, padre di tutti coloro che amano il peccato e la menzogna. Ed è dunque la guerra tra i figli di Maria e i figli del diavolo. Scrive infatti San Luigi Maria Grignion de Montfort, nel suo Trattato della vera devozione a Maria:

54. Dio non ha posto solo una inimicizia, ma più inimicizie: cioè non solo tra Maria e il demonio, ma tra la stirpe della Santa Vergine e la stirpe del demonio. Dio ha posto delle inimicizie, delle antipatie, delle opposizioni profonde tra gli autentici figli e servi della Vergine Santa e coloro che sono figli e schiavi del demonio; non si possono amare tra loro, non ci può essere intesa degli uni con gli altri. I figli di Belial, gli schiavi di Satana, gli amici del mondo (che sono la stessa cosa) hanno sempre finora perseguitato, e sempre più perseguiteranno quelli e quelle che appartengono alla Santa Vergine, come in passato Caino ha perseguitato suo fratello Abele, ed Esaù suo fratello Giacobbe, che sono le figure dei reprobi e dei predestinati. Continua a leggere

La guarigione di un Cardinale nella Santa Casa di Loreto perché diventasse Papa

Il 15 agosto 1464 Papa Pio II moriva ad Ancona, e i cardinali, che là lo avevano accompagnato, decisero di ritornare a Roma per eleggere il nuovo Papa. In quei giorni Ancona era stata colpita dalla peste. La città aveva assunto un aspetto pauroso: le persone colpite erano innumerevoli. I morti erano così tanti che i becchini a stento facevano in tempo a dare loro la necessaria sepoltura.
Tra i colpiti vi era il cardinal Pietro Barbo, uomo eminente per virtù, prudenza ed esperienza. Costui, preso dalla peste, era in grave tristezza. Si ricordò di essere vicino a Loreto, la città di Maria. Ordinò di essere portato nella Santa Casa della Madonna.
Qui giunto, furono allontanati tutti quelli che vi erano, per timore d’infezione; ed egli, il Cardinale, rimase solo in preghiera. Continua a leggere

Le prove della miracolosa traslazione della Santa Casa di Loreto

Proponiamo un articolo molto interessante, in particolare oggi che ricorre la Festa della Beata Vergine Maria di Loreto.

Per la Santa Casa di Loreto, ovvero la Casa della Vergine Maria, dove Ella ricevette l’Annuncio dell’Angelo, negli ultimi decenni si è detto che essa sarebbe arrivata in Italia non miracolosamente, bensì smontata a pezzi da alcuni Crociati e che una nobile famiglia di nome de Angelis l’avrebbe da questi acquistata.

In realtà questa teoria è falsa perché ci sono quattro inequivocabili prove che dimostrano la traslazione miracolosa della Santa Casa. Attingiamo dal prezioso libro: Miracolosa Traslazione a Loreto della dimora della Santissima Annunziata di Giuseppe M.Pace. Continua a leggere

Blog su WordPress.com.

Su ↑