Cerca

Luce che sorge

Con la luce di Cristo verso una nuova alba

Tag

Feste cristiane

Santa Pasqua 2017 / Holy Easter 2017

Ave Maria!

Buona Pasqua a tutti voi!
Happy Easter to you all!

Isidoro

“Vi ho detto queste cose perché abbiate pace in me. Voi avrete tribolazione nel mondo, ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo!”
(Gv 16, 33)

“I have told you these things, so that in me you may have peace. In this world you will have trouble. But take heart! I have overcome the world.”
(John 16:33)

Immagine di copertina:
Gesù risorto e Maria Maddalena, Giotto, Cappella degli Scrovegni, Padova

Cover photograph:
The resurrected Jesus and Mary Magdalen, Giotto, Scrovegni Chapel, Padua

“Lo devo a mia madre”. Pensiero per la Solennità dell’Annunciazione

Un cordiale augurio a tutti voi per la Solennità dell’Annunciazione, anche se siamo già alla sera.
Maria Santissima, Immacolata, è divenuta Madre di Dio e dei cristiani nel momento in cui ha concepito il Signore Gesù. Ogni donna poi può far nascere Gesù nel cuore e nella vita dei suoi figli, e sarà con loro grande agli occhi di Dio.

Dietro ogni Sacerdote, c’è sempre una madre che, non di rado, è stata anche la matrice spirituale della vocazione sacerdotale del proprio figlio. Scriveva commosso sant’Agostino nelle sue Confessioni:

…Tu hai steso la tua mano dall’alto e hai tratto la mia anima da queste dense tenebre, poiché mia madre, tua fedele, piangeva su di me più che non piangano le madri la morte fisica dei figli… La mia santa madre, tua serva, non mi ha mai abbandonato. Ella mi partorì con la carne a questa vita temporale e col cuore alla vita eterna. Ciò che sono divenuto e in che modo, lo devo a mia madre. Continua a leggere

La Medaglia del Santo Volto di Cristo. Storia, devozione e promesse

Domani, martedì prima delle Ceneri, i mondani celebreranno il culmine della loro festa, il Carnevale. Per riparare i peccati che si commettono in questa occasione, Nostro Signore ci comanda di celebrare invece la Festa del suo Santo Volto. E ci ha fatto il dono immenso di una Medaglia che lo raffigura, con grandi promesse per chi ne avrà la devozione. Leggiamo qui la storia della Medaglia e cosa il Signore ci ha rivelato.

La prescelta per le rivelazioni fu la Serva di Dio Madre Maria Pierina De Micheli, Figlia dell’Immacolata Concezione di Buenos Aires (11/9/1890-26/7/1945).
Anima ardente d’amore per Gesù e per le anime, si donò incondizionatamente allo Sposo ed Egli ne fece oggetto delle sue compiacenze. Continua a leggere

Tu scendi dalle stelle. Il testo originale e un’interpretazione toccante

Il celebre canto Tu scendi dalle stelle è opera ispirata di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, Santo napoletano che fu molto longevo, soprattutto se si considera la durata media della vita in quell’epoca. Nacque infatti nel 1696 e morì nel 1787. Fu un Santo pieno di amore per Dio e di devozione per la Madonna. Possiamo ben ringraziare il Signore di averlo trattenuto così a lungo in questa valle di lacrime, per la sua gloria e a beneficio delle anime.
La grandezza di Tu scendi dalle stelle la si comprende solo se si legge l’intero testo, e se possibilmente lo si ascolta in un’adeguata esecuzione. Grazie a Dio, abbiamo trovato entrambi: il testo e l’interpretazione musicale, davvero toccante. Continua a leggere

Puer natus in Bethlehem – Un Bambino è nato a Betlemme

A tutti voi, un fraterno augurio di Buon Natale.
Che il Signore Gesù possa, per il nostro ardente desiderio, farci dono di Se stesso, in modo da inebriare i nostri cuori della sua divina e adorabile presenza.

Come l’anno scorso, proponiamo un brano musicale, tra quelli disponibili su YouTube.
Si tratta questa volta del canto gregoriano Puer natus in Bethlehem, Un Bambino è nato a Betlemme.
La musica che state per ascoltare, se lo desiderate, è abissalmente diversa dalle canzonette contemporanee, che sono espressione dei nostri ultimi tempi.
Qui si trova una fede risalente ai secoli antichi, a un’epoca ricca di uomini e donne dalla santità inenarrabile.
Le note e le parole formano un’armonia soprannaturale, profonda, geniale, che rapisce i cuori e le menti sintonizzati con la voce dello Spirito Santo.
Si presenta davanti a noi la scena del Presepe, dove rifulge la gloria del Dio fatto uomo e della Madre Immacolata da Lui prescelta per donarsi a noi.

Seguono la versione latina del testo, quella italiana a cura di Lucechesorge e una versione inglese un po’ libera basata su un originale non del tutto corrispondente. Continua a leggere

Inginocchiàti davanti al Presepio

di Plinio Corrêa de Oliveira

Commemoriamo ancora una volta, Signore, la festa del Vostro Santo Natale. Ancora una volta la Cristianità si appresta a venerarvi nella mangiatoia di Betlemme, sotto il brillare della stella o sotto la luce, ancora più luminosa e fulgente, degli occhi dolci e materni di Maria.

Al Vostro lato sta san Giuseppe, tanto assorto nel contemplarvi che sembra non accorgersi neppure degli animali che Vi circondano, dei cori angelici che squarciano le nubi e cantano, ben visibili, nel più alto dei Cieli.

Di qui a poco si udrà lo scalpitìo dei cavalli dei Magi in arrivo, che portano su lunghe carovane i doni di incenso, oro e mirra, sorvegliati da una innumerevole servitù. Nel corso dei secoli, molti altri verranno a venerare il Vostro Presepio: dall’India, dalla Nubia, dalla Macedonia, da Cartagine, dalla Spagna; galli, franchi, iberi, germani, i loro discendenti, fra cui i pellegrini e i Crociati che verranno dall’Occidente per baciare la terra della grotta in cui nasceste.

E fra tutti costoro, anche noi, qui, stiamo inginocchiati e Vi contempliamo. Guardateci, Signore, e osservateci con misericordia. Siamo qui e desideriamo parlarvi.

Noi, chi siamo noi? Continua a leggere

L’Immacolata Concezione, storia e novena

Da dove nasce la Solennità dell’8 dicembre, dedicata all’Immacolata Concezione della Madonna? Ovviamente nasce proprio da questo mistero di grazia, legato indissolubilmente alla venuta del Figlio di Dio in mezzo a noi.
Ma certi eventi nella storia della Chiesa e dell’Italia hanno pure portato a proclamare il dogma dell’Immacolata Concezione.
Come sappiamo un po’ tutti, prima dell’unità politica fatta da massoni e liberali contro la fede cattolica del popolo italiano, Roma e gran parte del centro Italia erano sotto l’autorità del Papa.
Ma già a partire dal 1814, l’associazione segreta della Carboneria, di origine massonica, spinse per attuare un rivolgimento eversivo in tutta l’Italia. Continua a leggere

Sogno di un moscone di una notte di mezza estate

Santa Pasqua a tutti!
Francamente, non ero sicuro che ci saremmo arrivati con questa relativa calma.
Parlo dell’Italia ovviamente, non di Paesi come quelli musulmani o nordeuropei. Là i cristiani sono già perseguitati con la violenza sanguinaria, il licenziamento o il carcere.
Per chi si può permettere qualche minutino di piacevole ricreazione, ecco qui uno dei miei racconti.
Buona lettura!

SOGNO DI UN MOSCONE DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

Una notte di mezza estate, un moscone si addormentò e sognò.
Attraversava l’aria afosa sotto il sole a picco, e una musica ronzante faceva da sottofondo al suo volo spensierato.
I suoi occhioni composti assorbivano lo scenario del terreno di conquista, le case dei professionisti in una ridente via del quartiere bene.
«Cuore mio,» sussurrava il moscone sentendosi libero, «portami dove più desideri, e goditi la gioia di quest’ora felice!».
Il finestrone della saletta da pranzo della famiglia Insetti era socchiuso, e quella fessura lasciava passare odori meravigliosi da tavola e da fornello.
Il moscone descrisse una traiettoria morbida e infallibile e fu dentro. Continua a leggere

Riflessioni per la Settimana Santa. L’amore alla Croce di Cristo

Nel 1714, San Luigi Maria Grignion di Montfort scrisse la Lettera circolare agli Amici della Croce, indirizzata ai membri di un’associazione laicale di Nantes di cui era ispiratore.
Plinio Corrêa de Oliveira commentò quest’opera in una serie di sedici riunioni per soci e cooperatori della TFP (l’Associazione Tradizione Famiglia Proprietà) brasiliana, nel 1967.
Quello che segue è un estratto dalla prima conferenza.

Leggiamo, quindi, un brano della Lettera circolare agli Amici della Croce, di San Luigi Maria Grignion di Montfort:
“Amici della Croce, alunni di un Dio crocifisso! Il mistero della Croce è sconosciuto ai Gentili, respinto dagli Ebrei e disprezzato dagli eretici e dai cattivi cattolici. Eppure è questo il grande mistero che dovete apprendere sperimentalmente alla scuola di Gesù Cristo e che solo da lui potete imparare. Cerchereste invano in tutte le scuole di pensiero dell’antichità un filosofo che l’abbia insegnato; invano chiedereste consiglio alla luce dei sensi e della ragione. Solo Gesù Cristo, con la sua grazia vittoriosa, può farvi conoscere e gustare tale mistero. Continua a leggere

Blog su WordPress.com.

Su ↑