Cerca

Luce che sorge

Con la luce di Cristo verso una nuova alba

Tag

Notizie dal mondo

Corea del Sud, il neopresidente è cattolico e devoto di Maria Santissima

di Matteo Orlando

Moon Jae-in, il nuovo presidente della Corea del Sud, cattolico praticante, come primo atto della sua presidenza ha chiesto al suo parroco Paul Ryu Jong-Man, responsabile della parrocchia della Santissima Trinità nel Hongje-dong di Seoul, di benedire la “Casa Azul”, residenza ufficiale dei presidenti sud coreani, sede di vari uffici presidenziali e luogo di ricevimento dei capi di Stato in visita in Corea del Sud.

Il parroco, imponendo le mani sul presidente e sulla moglie ha pregato per lui e si è augurato che il Presidente sia “saggio come Salomone” e lo ha invitato, “prima di prendere qualsiasi decisione in merito allo stato”, ad invocare lo Spirito Santo. “Egli scenderà su di voi e vi darà la sua luce e la forza”. Continua a leggere

Quella “misericordia” negata alla Grecia

28 maggio 2017
Movimento laico di preghiera “Beato Bartolo Longo”

La Grecia versa in condizioni di grave emergenza umanitaria.

Non vi sono più fondi per le medicine e le cure mediche. Ai malati di tumore vengono consegnate ricette che riportano l’aspettativa di vita (sì, avete capito bene) vale a dire, a seconda dei casi, se il paziente vivrà ancora per due mesi oppure sei o dodici.

L’austerità della Troika-Eu ha devastato il Paese e i cittadini si suicidano ad un ritmo impressionante perché sono allo stremo.

Noi ci chiediamo, ma chiediamo sopratutto alla “grande” Europa se questa è una situazione che può definirsi ancora “umana” oppure se non è piuttosto un crimine contro l’umanità.

E ancora ci domandiamo, e domandiamo a tutte le organizzazioni “umanitarie”, perché non si degnano di portare soccorso ai “concittadini” europei inviando medici, ospedali da campo (sì ospedali da campo – come in guerra – perché lì è in corso una guerra contro uomini inermi), e generi alimentari e di vestiario. Continua a leggere

A Città di Castello, in Umbria, Duomo profanato da banda di minorenni. Perché?

È di tre giorni fa la notizia di una profanazione avvenuta a Città di Castello, in provincia di Perugia.
Una banda di minorenni ha fatto irruzione nel Duomo, dedicato ai Santi Florido e Amanzio. I giovani si sono messi a giocare a pallone nella navata centrale, si sono arrampicati sull’altare (si presume la tavolona usata nella Messa riformata), hanno calpestato stola e arredi, hanno cercato di forzare le cassette delle offerte e hanno urinato in un’acquasantiera.
Tutte le azioni degli sventurati sono state riprese dalle telecamere a circuito chiuso.
Le forze dell’ordine sono intervenute, e ora c’è chi parla di provvedimenti punitivi.
I pochi giornali che riferiscono l’accaduto non dicono se si tratta di italiani o magari stranieri. Comunque sia, non è difficile per chi ha fede rispondere alla domanda: perché è avvenuto tutto questo?
Non c’è bisogno di essere ancora minorenni, nell’anno 2016, per ritrovarsi in una vita di orfani, come sono di fatto quegli sventurati giovani. Continua a leggere

Blog su WordPress.com.

Su ↑