Cerca

Luce che sorge

Con la luce di Cristo verso una nuova alba

Tag

Purezza e modestia

Presentation of The Way of Purity: To be true children of Mary

This is the presentation of The Way of Purity: To be true children of Mary, which is the English version of La via della purezza. Per essere veri figli di Maria, one of my new Italian books.

(Questa è la presentazione di The Way of Purity: To be true children of Mary, la versione inglese de La via della purezza. Per essere veri figli di Maria, uno dei miei nuovi libri in italiano).

Dear Reader,

I present to you a book that has to do with the greatest questions of our life.
As you can already notice from the title, everything here is seen from the standpoint of purity and devotion to Our Lady, two aspects of a believer’s life that are inseparable.
We need to share the treasure of faith, love and purity especially nowadays, when all of this is fought against like never before in human history.
It is a fiery battle indeed, or rather a war that will mark the end of a decaying world and the renewal of all that exists. Continue reading “Presentation of The Way of Purity: To be true children of Mary”

Volgarità e oscenità. «La bocca parla dalla pienezza del cuore»

Il Signore Gesù, rivolgendosi agli uomini del suo tempo, in particolare ai farisei, avverte così loro e tutti noi (Mt 12,34-36):

Poiché la bocca parla dalla pienezza del cuore. L’uomo buono dal suo buon tesoro trae cose buone, mentre l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae cose cattive. Ma io vi dico che di ogni parola infondata gli uomini renderanno conto nel giorno del giudizio.

Ora, se una piccola bugia o una frase sciocca sono già parole infondate, cosa dire della volgarità e dell’oscenità?
La volgarità consiste nel portare all’attenzione di altre persone, in modo violento e a sproposito, cose che di per sé sono poco onorevoli e pulite. Per far questo le si chiama con il loro nome o addirittura si usano delle parole nate da un’ispirazione diabolica per dare più evidenza alle cose sporche. Sono le cosiddette parole volgari, anche se, come appena detto, è volgare qualsiasi riferimento a certe cose, anche con parole di per sé corrette, quando viene fatto in modo violento e a sproposito.
Il comportamento volgare può essere fatto di parole, ma anche di atti che ottengono lo stesso effetto. Continua a leggere

Galleria della modestia femminile (chi cerca trova…)

Come essere in grazia di Dio dopo il divorzio? Testimonianza di Tiziano e Marzia

C’è in Italia un’associazione, Cuori Nuovi, che aiuta veramente i divorziati risposati civilmente e i conviventi a riscoprire la bellezza di una vita cristiana, e a tornare in grazia di Dio senza necessariamente lasciarsi.
Devo dire che mi sono ripetutamente rivolto a tre indirizzi e-mail indicati sul loro sito per i contatti, proponendo in grande spirito di amicizia una collaborazione in qualsiasi modo fosse possibile, e non ho ricevuto nessuna risposta.
Considero una grave mancanza rifiutare una risposta a chiunque si rivolga a noi, anche a chi lo fa in modo sbagliato, e tanto più a chi lo fa con fiducia e amore. Spero che la risposta arrivi, anche se provo grande amarezza. Comunque bisogna saper prendere il buono dovunque ci sia, ed ecco quindi a voi la preziosa testimonianza di Tiziano e Marzia di Cuori Nuovi, che ci parlano di amore e castità.

Sulla purezza di cuore. L’esempio di Maria Madre dei cristiani

Nei giorni scorsi ho avuto qualche soddisfazione nel parlare del mio libretto di prossima uscita, che dovrebbe intitolarsi Fidanzati e sposi sulla via del Paradiso. Grazie a Dio però, l’amor proprio non ha prevalso del tutto, e ho ripensato a Gesù Nostro Signore.
Com’è bello fare tutto per amore di Gesù, nostra Via, Verità e Vita! Noi non abbiamo la vita in noi stessi, non siamo fine a noi stessi. Il nostro Fine è Gesù, perché Dio Padre «ha concesso al Figlio di avere la vita in se stesso» (Gv 5,26), e «Tutte le cose sono state create per mezzo di Lui e in vista di Lui» (Col 1,16).
Ed ecco che da una memoria non certo strabiliante è riaffiorato un ricordo forse indelebile, sulla scia dei pensieri sulla purezza di cuore. La purezza di cuore è fare tutto per amore di Dio. Non si riduce quindi solo alla purezza vissuta tra le persone.
È tornata alla mente un’espressione di San Luigi Maria Grignion de Monfort riguardo a Maria Santissima, nostra Madre se siamo cristiani. Il grande Santo devoto di Maria parla della «sublimità delle sue intenzioni, talmente pure, da dare più gloria a Dio con un minimo atto, per esempio filare con la conocchia, o dare un punto d’ago, che non San Lorenzo sulla graticola, con il crudele martirio, o perfino con le azioni più eroiche di tutti i Santi». Continua a leggere

A proposito di castità

Un fratello nella fede mi ha segnalato un video con Jason e Crystalina Evert, due giovani sposi americani che girano il mondo per parlare della castità. Forse la mia risposta potrà interessare anche ai lettori di Lucechesorge:

Caro …,

grazie per la tua segnalazione. Spero che abbiate gradito la riflessione intitolata Contemplare la bellezza. Pensa che ha ricevuto solo 8 visite. «Das Leben lebt nicht», «La vita non vive», disse già tempo fa un personaggio di lingua tedesca. Ma la mia unica speranza è compiere la volontà di Dio.
Avevo ascoltato la conferenza in inglese anni fa. Per inciso, ho provato ad ascoltare qualche momento di questa versione e noto che il doppiatore è simpatico, mentre la doppiatrice non sa sintonizzarsi con il messaggio. Viene detta anche una parola volgare, più volte, ma mi domando se sia nell’originale. Di certo qualcuno vuole rivestire di peccato qualcosa che sarebbe virtù.
Quando parliamo di Matrimonio e famiglia, sono due gli annunci più importanti, che sono strettamente legati: quanto tu e io siamo preziosi agli occhi di Dio, e quindi quanto sono preziosi i figli che Dio vuole per la nostra famiglia. Continua a leggere

Contemplare la bellezza

Se ci pensiamo, è meglio contemplare e amare profondamente la bellezza, o volerla anche toccare e consumare, in cerca del piacere sensuale?
Certo il Matrimonio deve essere consumato, ma il fine primo, più alto e sublime di questo è la procreazione. La procreazione è l’Amore infinito di Dio che dona la vita attraverso l’amore degli sposi. Gli sposi stessi donano la vita, se è vero che il loro amore è gioia per ogni figlio che nasce.
Ci sono diversi motivi per preferire la contemplazione della bellezza dell’amata o dell’amato, al desiderio sensuale della sua bellezza.
Intanto, come insegna fra gli altri Giovanni Paolo II, del coniuge vanno amati non solo l’anima, ma anche il corpo. Sì, il corpo della persona che si è sposata deve ricevere il nostro amore. Così anche eventuali difetti vengono visti in una luce nuova, con uno sguardo d’amore che li rende graditi perché amiamo l’intera persona, anima e corpo.
Contemplare la bellezza della persona amata, e accarezzarla e baciarla castamente, invece di toccarla per ottenere il piacere sensuale, dimostra l’amore più puro e nobile. Com’è grande l’amore di un uomo che s’inchina a baciare la mano della sua sposa e prova una tenera riverenza per lei! Continua a leggere

Scoprire l’anima o il corpo?

Ognuno di noi ha un’anima e un corpo. L’anima è la nostra parte spirituale, anzi, siamo noi stessi, nel tempo e nell’eternità. Poi un giorno verrà la risurrezione e avremo un corpo spirituale, che sarà il riflesso dell’anima.
L’anima è eterna, grazie all’Amore misericordioso di Dio che vuole così.
L’anima può essere buona o cattiva, in grazia di Dio o nel peccato grave, bella e splendente o deforme e nera.
Quando siamo in grazia di Dio, perché osserviamo i Comandamenti evitando almeno il peccato grave, Gesù e tutta la Santissima Trinità, insieme con Maria nostra Madre, abitano in noi, nel profondo della nostra anima. Sono viventi nel profondo di noi stessi, nel nostro cuore che è il centro dell’anima.
Com’è bello, allora, che un volto esprima qualcosa di Gesù e Maria, che sia spirituale e rimandi a Loro senza possibilità di dubbio. E così la nostra voce, le nostre parole, i nostri atteggiamenti e il nostro modo di vestire.
Il volto è lo specchio dell’anima. Quando l’anima è pura e luminosa, anche il volto lo è. Ma cosa dire di un volto di donna con sopra il trucco?
Il trucco spegne i riflessi spirituali del volto, sempre che quel volto li possieda. È una maschera che la donna si mette senza rendersene conto. O si nasconde un’anima in grazia di Dio che teme di manifestare Gesù e Maria al mondo, o oppure si nasconde un’anima nel peccato che ha bisogno di una copertura che faccia pensare ad altro, magari all’attrazione fisica, perché spiritualmente non c’è più nulla da offrire. Continua a leggere

La castità, luce che rischiara l’umanità

Nell’Epifania appare Gesù Cristo Signore come Luce che si manifesta alle genti. «Veniva nel mondo la Luce vera, quella che illumina ogni uomo», si legge nel Prologo (1,9) del Vangelo di San Giovanni.
La Luce di Cristo rischiara l’umanità e rende lo sguardo di ogni persona puro e nobile verso Dio e ogni altra persona.
Gesù dirà nella sua predicazione: «La lucerna del corpo è l’occhio; se dunque il tuo occhio è chiaro, tutto il tuo corpo sarà nella luce; ma se il tuo occhio è malato, tutto il tuo corpo sarà tenebroso» (Mt 6,22-23).
Dunque com’è oggi lo sguardo dell’uomo verso la donna, e viceversa? È lo sguardo dei discepoli di Cristo, dei credenti che hanno veramente trovato in Lui e non nella carne il fine della propria vita?
È lo sguardo degli adoratori del Signore Gesù, che si sono incontrati, conosciuti e amati in Cristo?
Come guardano l’uomo alla donna, il fidanzato alla fidanzata, il giovane alla giovane, lo sposo alla sposa, e viceversa? Hanno nel cuore e nella mente il pensiero dell’adorabile Gesù Eucaristico e della sua Madre purissima, Maria, che ce l’ha donato? Hanno fame e sete di Dio e della sua giustizia, o fame e sete di piaceri carnali, orgoglio, compiacimento umano e così via? Continua a leggere

Blog su WordPress.com.

Su ↑