Cerca

Luce che sorge

Con la luce di Cristo verso una nuova alba

Tag

Televisione

Televisione e vita di grazia. Due dimensioni a confronto

Ci sono due realtà, due generi d’esistenza e quindi due destini, che vengono a confronto quotidianamente, ma senza far notizia.
Le notizie sono tutte concentrate nei mezzi di comunicazione di massa, che gestiscono le apparenti novità in un circuito chiuso, senza niente di nuovo, di vero, di originale.
È interessante notare anche qui la percentuale di telespettatori in Italia: secondo i dati ISTAT del 2016, il 92,2% della popolazione dai tre anni in su.
Per certi motivi, chi scrive si trova ogni tanto ad ascoltare, senza guardarla, qualche minuto di televisione seguita da altri. E la situazione è quella che già si vede in chiara sintesi nel processo contro Cristo davanti a Pilato e alla folla.
Oggi come allora, c’è un inferno spaventoso voluto quasi da tutti, detestato con orrore solo da pochissimi, mentre qualcuno se ne lava semplicemente le mani, lasciando in sospeso, quasi di malavoglia, la domanda: «Che cos’è la verità?» (Gv 18,38).
Quello che è un inferno per i pochi fedeli, è normalità e piacere per tutti gli altri. La massa in realtà include anche persone molto istruite, che godono di fronte alla rappresentazione oscena di una vita non vera, senza Dio e senza bellezza alcuna. Continua a leggere

Messaggio di Nostra Signora di Anguera sulla televisione

Ad Anguera, in Brasile, la Madonna ci ha donato anche dei messaggi che parlano della televisione. È quella realtà che già Padre Pio ai suoi tempi (morì nel 1968) chiamava «il diavolo in casa» e io nei miei libri, con un pizzico di umorismo, ho definito «il rimedio per tutti i beni». Qui potete leggere un messaggio scelto fra gli altri.

15 aprile 1989

Cari figli, questo è ciò che vengo a supplicare oggi: rinunciate a fumare e, in particolare, ai programmi televisivi. Miei cari figli, la televisione vi ha completamente distrutto. Dopo aver assistito ai programmi televisivi non siete più in grado di concentrarvi e così non siete più in grado di pregare. Non perdete il vostro tempo guardando la televisione, rubando così momenti preziosi alla preghiera e all’ascolto delle mie parole. Attraverso la televisione, l’intera famiglia è penetrata da una sottile e diabolica tattica di divisione e corruzione. I più indifesi sono i bambini e i giovani, che contemplo con la preoccupata tenerezza di una madre. Continua a leggere

La Perla di Labuan e l’Amore

Circa quarant’anni fa, nel 1976, fu trasmesso per la prima volta in Italia lo sceneggiato televisivo di Sandokan, con grandissimo successo.
La fervida fantasia di Emilio Salgari, morto suicida nel 1911 all’età di 48 anni, aveva ancora una volta lasciato il segno. Così era stato già ai suoi tempi, quando pubblicava racconti e romanzi. Continua a leggere

Televisione, la fiera delle oscenità

La nostra società occidentale è così oscena che semmai si scandalizza per la purezza di cuore, rarissima come un tempo lo era l’oscenità.
Si potrebbe parlare di una dimensione televisiva, la quinta o la nona o la tredicesima, in cui entrano i nostri contemporanei per ricaricarsi di oscenità. Poi, ne escono per riversarla in famiglia, sul lavoro, per strada, dovunque. Continua a leggere

Blog su WordPress.com.

Su ↑